Canciani: “Solidarietà e vicinanza per quanto successo nel weekend”

Foto Petrussi

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio del presidente della Federcalcio regionale, Ermes Canciani, relativamente ai gravi fatti accaduti nel fine settimana a Roma.

Desidero esprimere la massima solidarietà e vicinanza a Riccardo Bernardini, giovane arbitro vittima domenica, durante una gara del campionato di Promozione del Lazio, dell’ennesimo e increscioso episodio di violenza perpetrato ai danni di un direttore di gara. Quanto accaduto rafforza in noi la volontà di continuare ad impegnarci quotidianamente affinché episodi come questi non si ripetano, cercando di accrescere in tutti coloro che operano nel mondo dello sport e in particolare del calcio il senso della cultura etica e sportiva. Lo sport, inteso come messaggero di valori sociali e morali, non può e non deve convivere con atteggiamenti violenti che nulla hanno a che fare con il rispetto delle regole e della buona educazione. Si tratta di violenze inaccettabili che condanniamo fermamente; non è possibile che un ragazzo debba allontanarsi dai campi di gioco per evitare di correre rischi di questo genere”.

Al presidente dell’A.I.A. Marcello Nicchi e a tutti gli Arbitri va la mia totale solidarietà assicurandoli che continueremo a vigilare affinché episodi di questo tipo non accadano. A Riccardo va, invece, l’augurio di pronta guarigione certi di rivederlo, presto, sui campi di gioco con la sua divisa e il suo fischietto per rincorrere ancora la sua passione“.