Chi sale, chi scende: applausi per Zambon e Ufm. Niente scossa a Lumignacco

Riccardo Zambon in pressing
Riccardo Zambon in pressing
Riccardo Zambon in pressing

In Serie D sale Riccardo Zambon. L’attaccante della Sanvitese si è rivelato un’autentica spina nel fianco della Sacilese, a tratti indemoniato come se avesse ancora un conto aperto da saldare con i liventini, oltre al gol ha fatto vedere grandi giocate. Trascinatore.

A scendere è la Sacilese in blocco: era lecito attendersi molto di più dai biancorossi, ma il gioco non è stato all’altezza. Molti passaggi sbagliati, traversoni fuori misura, poche occasioni: insomma una partita decisamente no che allontana in modo definitivo l’obiettivo play-off, ammesso che la post season fosse veramente un obiettivo per Adriano e soci.

In Eccellenza, merita un plauso l’Ufm. I bisiachi dopo aver perso parecchi punti nelle ultime domeniche rischiavano il tracollo e a livello mentale una nuova sconfitta sarebbe potuta essere una vera e propria mazzata. Invece sono scesi in campo ordinati, come al solito ben diretti da Zoratti e hanno strappato una vittoria che psicologicamente vale oro.

A scendere è il Lumignacco: non ci si poteva aspettare grandi rivoluzioni tattiche in pochi giorni, ma visto che l’allontanamento di Papais era stato fatto più per dare la sveglia alla squadra che per altri motivi – almeno stando alle dichiarazioni ufficiali -, va riscontrato che la cosiddetta scossa al momento non si è vista. Rimandato.