Chi sale, chi scende: Azzanese sulle ali dell’entusiasmo. Lumignacco, occhio alle spalle

Azzanese e Lumignacco, gli alti e bassi dello scorso turno di Eccellenza
Azzanese e Lumignacco, gli alti e bassi dello scorso turno di Eccellenza
Azzanese e Lumignacco, gli alti e bassi dello scorso turno di Eccellenza

In Eccellenza sale l’Azzanese: i biancazzurri non avranno probabilmente lo stesso potenziale di Ufm e Triestina, e soprattutto una panchina così lunga da poter permettere di reggere il confronto fino alla fine del torneo, ma stanno comunque dimostrando di essere una formazione solida e quadrata, come dimostrato dal match vinto senza battere ciglio contro il Lignano. I tre punti conseguiti valgono a Paciulli e compagni il secondo posto in classifica, in attesa del recupero del big match tra bisiachi e alabardati, e non è detto che la favola non possa durare. Per quanto fatto vedere finora, chapeau.

A scendere è invece il Lumignacco che, contro l’Ism Gradisca, ha rimediato la nona sconfitta in campionato. Poco incisivi in attacco i rossoblù che, dopo un buon inizio di stagione, ora devono guardarsi le spalle dal veemente ritorno di una Maranese data troppo presto per morta. I lagunari con gli acquisti invernali si sono notevolmente rinforzati e i cinque punti di ritardo dal gruppone sembrano essere davvero un’inezia. In sostanza, ci sono tutti gli ingredienti per aspettarsi un finale di stagione pirotecnico.