Chi sale, chi scende: exploit del Tamai. Il San Luigi vede nero

La Triestina si avvicina alla vetta dell’Eccellenza

In Serie D sale il Tamai: agevolate dal non avere nulla da perdere e da una classifica decisamente tranquilla, la Furie Rosse sono scese al Bottecchia senza alcun timore reverenziale. Birtig ha dimostrato molto acume: inutile affrontare i ramarri a viso aperto, meglio attendere e ripartire veloci, magari sfruttando quelle amnesie difensive che stanno scombinando i piani della compagine di patron Lovisa.

A scendere è il Pordenone: era lecito attendersi una prova convincente e una vittoria dai neroverdi per riprendere il cammino, ed invece, pur macinando un’impressionante mole di gioco, alla fine i ramarri sono usciti dal campo amico con le pive nel sacco. I troppi errori, sia davanti che dietro, e in generale la mancanza di cattiveria rischiano di essere fatali, ma per fortuna c’è ancora tempo per sperare visto che le avversarie non sembrano ancora avere intenzione di mettere il turbo.

In Eccellenza, in vista della partitissima di domenica tra Ufm e Triestina, salgono le quotazioni dei giuliani che con la vittoria sul campo del Torviscosa si sono portati a soli tre punti dalla banda Zoratti. Ai bisiachi, è bene ricordarlo, manca una partita, ma è indubbio che ora col fiato degli alabardati sul collo, il cammino non si prospetta dei più semplici.

A scendere è invece il San Luigi: i biancoverdi continuano nel periodo no riuscendo a resuscitare anche il Tolmezzo reduce da una serie di prove incolori che avevano creato non pochi grattacapi a Maisano. Con quattro sconfitte e un pareggio negli ultimi cinque turni la situazione per i sanluigini non è certo delle più tranquille.