Chi sale, chi scende. Rivelazione Ol3, Vigonovo e Kras da rifare

L’Ol3 fetseggia la sesta vittoria in campionato

In Serie D sale il Tamai. Contro il San Donà non sono arrivati i tre punti, ma almeno la prestazione è stata finalmente convincente. Nonostante i due uomini in meno, l’undici di Birtig ha dimostrato grande carattere rimontando una gara che a fine primo tempo sembrava ormai ampiamente decisa. Rimontare tre gol non è impresa da tutti i giorni e di sicuro servirà a risollevare il morale della truppa liventina. A scendere è inevitabilmente il Kras. Il ko interno contro l’Este ha visto la formazione carsolina in evidente crisi e senza personalità. Il tecnico Alejnikov ha rassegnato le dimissioni e d’altro canto, vista l’arrendevolezza dei biancorossi, non poteva fare nient’altro.

In Eccellenza, scende la Triestina che al termine del match pareggiato contro il Fontanafredda si lamenta delle condizioni del Comprensoriale imputando al campo pesante parte del demerito della mancata vittoria. Ora, è logico che per una squadra abituata a giocare al Rocco sia difficile giocare nei campi dei dilettanti, ma quello di Fontanafredda è pur sempre uno dei migliori in regione. L’undici alabardato farà dunque bene ad abituarsi in fretta a questa realtà, altrimenti tra un paio di mesi comincerà a vedere davvero i sorci verdi. Pur non giocando, sale invece il San Daniele. I prosciutti, che osservavano il turno di riposo, hanno visto tutte le principali antagoniste pareggiare, rimanendo quindi in solitaria al secondo posto, e con un turno in meno giocato, a sei lunghezze dalla capolista.

Il Promozione A sale il Chions che vince facile contro la Virtus Roveredo e mantiene il comando del girone. Gara senza storia quella dei giallocrociati, sospinti dalle doppiette della coppia Vriz-Francescutto. Esauritasi l’adrenalina della scorsa settimana, la Virtus è tornata con i piedi per terra, solo che, se questo è il suo vero volto, c’è di che mettersi le mani nei capelli. A scendere è il Vigonovo, clamorosamente finito in piena zona retrocessione. La sconfitta a Prata ci sta, ma di per sé non è altro che la classica gocciolina che fa traboccare il vaso. Le dimissioni di Arnosti sono l’epilogo annunciato di una situazione che proprio non decollava, e in giornata dovrebbe arrivare il nome del nuovo allenatore chiamato a tirare fuori dalle sabbie mobili i blues prima che sia troppo tardi.

In Promozione B sale l’Ol3 che si conferma la più bella sorpresa di questo inizio torneo, nel girone orientale. Vincere sul campo dell’Isonzo non era impresa da poco, farlo con la scioltezza dimostrata ieri dai collinari è semplicemente da applausi. La magia di Tiro in occasione del raddoppio, poi, rende tutto ancor più dolce. A scendere è lo spettacolo offerto da Pro Romans e Zaule, praticamente un oggetto smarrito. Poche occasioni, quasi tutte confinate nei minuti finali, che non hanno certo fatto la gioia dei malcapitati spettatori paganti.