Eccellenza in apprensione: si rischia il patatrac

Gianni Tortolo ai tempi della Sanvitese
Gianni Tortolo ai tempi della Sanvitese

Quanto conta avere in panchina una persona del calibro di Gianni Tortolo! E i tre punti messi in cascina a Gemona sono il frutto di un lavoro che parte da tanti mesi addietro, dalle correzioni richieste con precisione alla società, dalla fame inculcata ai ragazzi di raggiungere una meritata salvezza. Ma l’Eccellenza è categoria beffarda: tanto dipende anche dalla Serie D.

Lì è un rebus non facile – commenta il tecnico -. La Sacilese è retrocessa per certa. Speravo nel Fontanafredda ma vedo che ha poche speranze. Magari si salvasse, chiederei subito scusa (sorride, ndr). Ma è dura a mio giudizio. Poi Monfalcone e Triestina, reduci da bei risultati, ma da qui fino alla fine devono fare risultati ancora più importanti Questa delle retrocessioni dalla D è una questione delicata e mal gestita”.

Il problema è che non c’è collegamento tra Lega Nazionale Dilettanti e serie D. Noi finiamo la prima di maggio, la Serie D la settimana successiva, poi hanno una domenica di riposo e poi gli spareggi. Quindi ci tocca tenere alta la concentrazione per almeno un mese perché si rischia di giocarsi la salvezza a inizio giugno…

LEGGI QUI L’INTERVISTA INTEGRALE A GIANNI TORTOLO NEL NUOVO NUMERO DI TREMILA SPORT MAGAZINE