Fantina: “Riprendiamoci l’Eccellenza”

Il bomber del Muggia, Christian Fantina
Il bomber del Muggia, Christian Fantina

“Intanto riprendiamoci l’Eccellenza, che poi… “. E di più non dice Christian Fantina, salvo esibirsi in un dribbling dei suoi. Misteri e certezze, per l’uomo simbolo di un Muggia che sta tenendo duro, nonostante tutto, e che vuol respingere una volta per tutte l’assalto indomito al suo trono portato dall’altra sputafiamme del girone B di Promozione, il Tricesimo.

Fantina esclude rilassamenti passati e futuri: “Cinque punti di vantaggio possono essere tanti o pochi, dipende. Noi, però, abbiamo sbagliato match soltanto con la Pro Romans, che credevamo di aver già battuto, salvo poi farci agguantare sul 3-3. Per il resto, ce l’abbiamo sempre messa tutta, ed è normale fare più fatica rispetto al girone d’andata perché adesso le squadre avversarie hanno preso le misure, ci conoscono meglio”.

Fantina e un Muggia imprevisto: “Neanche noi ci aspettavamo di disputare un campionato del genere; la retrocessione è stata colpa nostra, non certo di Corosu; Musolino ci ha dato una spinta, ma non è bastato. Così, quest’anno vogliamo riscattarci, rivincere il campionato dopo il declassamento”.

Fantina e la classifica marcatori: “Non sono lontano dalla vetta ragion per cui, non avendo mai vinto il titolo di capocannoniere un pensierino lo sto facendo… Sto bene fisicamente anche se ho 34 anni e ho preso tante legnate, ma tante. Fortunatamente i miei compagni mi sopportano, in campo sono proprio un gran rompiscatole”. Fantina prima punta: “Mi trovo bene e ho la fortuna di avere i Metullio e i D’Alesio che si danno un gran da fare. Ma non parlate di Fantina: è il Muggia che si sta prendendo la sua rivincita. Spero di poterla festeggiare senza dover tribolare fino all’ultima giornata”.