Filippetto: “Senza aiuti sarà dura andare avanti”

Poche certezze tante preoccupazioni per la Ceolini, ce ne parla il presidente Fortunato Filippetto: “Purtroppo il Covid-19, con la conseguente sospensione delle attività, ha causato grossi problemi economici. In primavera si organizzavano i tornei, le sagre ed eventi da cui la società guadagnava, quest’anno non è stato possibile. Le spese continuano ad esserci, ma gli introiti sono stati pari a zero. Ora forse, la regione e la banca daranno qualche sostentamento ma se non ci aiutano noi non sappiamo come procedere. È anche difficile trovare degli sponsor in questo momento. Ovviamente la voglia di giocare è forte ma manca tutto il resto”.

L’intenzione è sicuramente quella di andare avanti: “Abbiamo già fatto il nostro Consiglio, la volontà è quella di procedere, sperando in aiuti esterni. Sono già stati contattati tutti i giocatori, ci stiamo muovendo ma bisognerà vedere come evolverà la situazione. Se si potrà giocare, noi giocheremo”, continua il presidente.

I giocatori, secondo lui, sarebbero disposti anche a giocare gratis, ma non lo trova giusto: “Il compenso, a questo livello, è minimo ma è più che altro una soddisfazione personale.

In attesa di notizie più rassicuranti, la società giallorossa si augura per la prossima stagione un “buon campionato. Una salvezza tranquilla. Siamo una realtà abbastanza piccola, per le nostre forze il massimo cui possiamo aspirare è rimanere in Prima categoria”. (k.s.)