Gasperutti: “Federcalcio regionale asservita alle friulane”

Bruno Gasperutti
Bruno Gasperutti
Il veterano del calcio giuliano Bruno Gasperutti

Tutti d’accordo sulla sospensione delle partite lo scorso fine settimana? Non proprio. Una voce fuori dal coro è quella del tecnico del Chiarbola ed ex bandiera del Ponziana, Bruno Gasperutti, uno che di certo non la manda a dire.

“La Federcalcio regionale mi sembra sia un po’ troppo asservita a ciò che vogliono le squadre friulane – commenta -. Dunque: domenica 12 gennaio si è giocato regolarmente in tutta la regione senza nessuna sospensione. Questa settimana la mia squadra come tutte quelle triestine, hanno potuto allenarsi regolarmente e avrebbero potuto tranquillamente giocare i loro incontri casalinghi, nonostante la pioggia sia caduta abbondantemente. Sabato e domenica poi, non mi sembra che le condizioni atmosferiche siano state così negative, visto che a Trieste c’era il sole”

Oltretutto c’è il problema dei recuperi: bisogna giocarli entro dieci giorni ma tante squadre avranno problemi, con giocatori alle prese col loro lavoro, in fin dei conti siamo dilettanti. Quindi perchè non si sono fatte giocare regolarmente tutte le gare che si potevano disputare su terreni decenti?”

“Certo capisco l’occhio di riguardo per le compagini friulane che non hanno potuto allenarsi regolarmente, ma perchè non viene usato lo stesso metro quando tira la bora e noi a Trieste non riusciamo ad allenarci? E poi ci fanno giocare con la bora che soffia a raffiche oltre i 100 orari, come alcune domeniche fa col pallone che va dove vuole lui. Se anche si fossero giocate la metà delle partite, a mio avviso sarebbe stato un grosso vantaggio, e non mi si venga a parlare di regolarità dei campionati”.