Il pagellone di Prima categoria B (parte 2)

DSC_0398Risanese, 5 – Incompiuta. E la Risanese ultima versione: troppe le occasioni perse dai bianconeri, che hanno fallito le gare della svolta. In più ci si metta la iella, che ha privato a lungo Michelini di pedine chiave. Però era lecito aspettarsi di più, parecchio di più.

Union Martignacco, 6,5 – Un campionato sul filo del rasoio, ancora, per i rossoblù. Alla fine, però, Stella e soci hanno fatto quadrato e artigliato una salvezza che vale molto, moltissimo.

Bujese, 6,5 – Alti e bassi a volontà, ma superando momenti di autentica emergenza. I conti sono tornati, questa del resto non era la Bujese di lusso, ma una Bujese da corsa e battaglia.

Ragogna, 7 – Se una matricola sa stare lontano da guai e salvarsi con un certo agio, cosa chiedere di più. Missione compiuta, grazie soprattutto al rendimento interno.

Cassacco, 9 – L’impresa salvezza quasi come vincere il campionato. E farlo all’ultimo minuto dei play-out. Bravi Putti e i suoi giovani: bravi a non mollare mai, a dispetto di chi li vedeva retrocessi fin dall’inizio. Il calcio è bello perché imprevedibile…

Serenissima, 5 – Quanta sfortuna: vedesi gli infortuni specie degli attaccanti. Ma anche i pradamanesi ci hanno messo del loro: questa era una squadra che sulla carta sarebbe dovuta restare in Prima. Sulla carta…

Buttrio, 6 – Si poteva chiedere di più ai viola, se non lottare come leoni in ogni partita?

Aiello, 5,5 – Vale lo stesso discorso. Declassamento forse già scritto in partenza, perché qualcuno doveva andare giù. I bianconeri lo hanno fatto ma con dignità.