La pagelle delle pordenonesi in Promozione (Pt1)

Nicola Giordani, asso del Torre
Nicola Giordani, asso del Torre

Torre 8 – I viola campioni d’inverno si sono rivelati essere la formazione più continua del torneo. È la squadra che ha vinto di più e pareggiato di meno mettendo in mostra una batteria di fuoriquota che compagini di Eccellenza le invidierebbero. Pochi nuovi acquisti ma buoni, e anche questa volta il tandem Schiavo-Giordano ci ha visto giusto.

Cordenons 6,5 – In un girone senza una vera e propria fuoriserie ci si aspettava che i granata potessero avere un ruolo da protagonista e così è stato. I nomi sulla carta sono altisonanti, ma la carta d’identità non gioca a loro favore e nei secondi tempi spesso si è notato con qualche calo di troppo.

Porcia 7 – L’undici di Da Pieve è rodato. Ogni anno qualche innesto di qualità porta ad un miglioramento qualitativo generale e quest’anno potrebbe essere l’anno buono. La difesa è di ferro, l’attacco però non esalta. Con una punta da 10/15 gol sarebbe una brutta bestia per le avversarie.

Prata 6 – Un po’ di confusione ad inizio campionato, poi i mobilieri hanno cominciato a rigare dritto. Sulla carta hanno una rosa in grado di centrare i play-off soprattutto se il gioiellino Mini dovesse confermarsi anche nel ritorno. Il problema resta l’attacco: 18 gol all’attivo sono decisamente troppo pochi.

Bannia 9 – I biancazzurri sono la vera rivelazione del campionato. Geremia ha impostato alla perfezione la sua squadra: se qualcuno li taccia di difensivismo Muzzin e compagni fanno spallucce e vanno avanti per la loro strada. Visti i risultati, un sonoro “Chissenefrega” ci sta benissimo.