Lerussi: “Tre Stelle già forte, ma ci rinforzeremo ancora a gennaio”

Sotto una abbondante nevicata al Durisotti di Basaldella, con un pubblico delle grandi occasioni, è andata in scena Tre Stelle – Pagnacco, terminata con il successo dei padroni di casa per 2-1.

Lerussi abbraccia i suoi e alla penultima di campionato non riesce, come invece fa quasi sempre, a trattenere la gioia: “Oggi – spiega – è stata una partita sofferta che ci ha insegnato molto. Anzitutto ha cementato la squadra, il gruppo. La coppia di centrali di difesa Paravano – Monte deve solo capirsi di più. Galluzzo e La Russa sono stati fantastici con Puppis e Bozic. Ho ritrovato il mio capitano, Lirussi, che ha lottato a centrocampo come un leone. Collavizza indispensabile, Ricci insostituibile. Il giovanissimo Grattà, che di recente ha rifiutato una proposta importante arrivata dall’Eccellenza, oggi probabilmente ha giocato la sua partita migliore. Raffin e Crosilla li avete visti, non potevo chiedergli di più”.

La forza del Tre Stelle – continua – che è considerata da tutti un po’ la rivelazione di questo campionato, è la forza del gruppo. Era importante conquistare i tre punti ma la mia contentezza deriva dal fatto che oggi abbiamo preso coscienza delle nostre capacità. Per la prima volta, poi, avevo una panchina al completo, considerando anche che Violino e Piantadosi erano indisponibili causa infortunio e Contin per sommatoria di cartellini”.

E a chi imputa al ds dei gialloblu di essere l’unica squadra nelle primissime posizioni in classifica a non essersi ancora rinforzata Lerussi risponde così: “In che cosa dovrei rinforzarmi? Il nostro è il miglior attacco del campionato, la seconda migliore difesa del girone. Abbiamo recuperato Lirussi, Piantadosi sta entrando in condizione dopo una serie di infortuni. E’ mezzo secolo che faccio calcio, credo fortemente nel mio gruppo e poi ed ho imparato ad avere pazienza. Il nostro è un gruppo giovanissimo, fatto praticamente da juniores, e non è così facile prendere un buon giocatore e farlo sedere in panca dentro lo spogliatoio. Ci sono delle dinamiche e degli equilibri da rispettare. E, a dirvela tutta… i rinforzi sono già arrivati ma per il momento preferiamo non annunciarli. In panchina ieri c’era uno come Matteo Marchiol… e poi ricordatevi, il calcio mercato dei professionisti si apre in gennaio. E il Tre Stelle vi stupirà!”.

La chiosa finale spetta al Presidente Luca Zamarian: “Siamo a una giornata dalla pausa natalizia. Abbiamo rosicchiato qualche punto al Sedegliano. La testa ora è a Ciconicco, dove andiamo per vincere in attesa di sapere se i Ranger ci vorranno fare un bel regalo di Natale in quel di Sedegliano. Sono poi curioso di vedere cosa succede a casa dell’Ancona che incontra il Cassacco, squadra ostica. E chissà, magari la Blessanese fa il miracolo al Capocasale. Poi per noi gli impegni importanti non sono finiti. Ci confronteremo, sabato 23 dicembre, con la Cormonese, in semifinale di Coppa Regione. Sarà una partita tostissima, perché le furie rosse sono una squadra diversa da tutte quelle viste fin ora nel nostro girone e che sabato ha messo in difficoltà il Monfalcone di Trentin e Godeas a cui vanno i nostri più sentiti complimenti: 50 risultati utili consecutivi non sono cosa da poco”.