L’intervista – Federico Giovannini, capitano re di Coppa

Un 2018 da incorniciare per il San Luigi: non bastava la Coppa Italia conquistata nel mese di gennaio, e il titolo d’inverno conseguito al termine del girone d’andata: la truppa di Luigino Sandrin si è riportata a casa la Coppa Italia di Eccellenza anche a fine dicembre.

A commentare lo straordinario 2018 della formazione giuliana è il capitano, Federico Giovannini: “È stata un’annata fantastica! Nessuno in regione è mai riuscito a vincere due coppe Italia di fila e siamo molto contenti di aver conquistato il titolo d’inverno, ma il bello inizia adesso. Il primato in classifica? Non ci sorprende perché conosciamo le nostre potenzialità e sapevamo di poter essere competitivi, ma non ci aspettavamo dei risultati così importanti. Credo che il nostro segreto stia nel gruppo: siamo molto uniti e questo ci aiuta tanto a far fronte ad ogni tipo difficoltà. Però dobbiamo ancora migliorare la gestione dei diversi momenti all’interno delle partite e cercare di mantenere la concentrazione alta durante tutti i 90 minuti”.

Un campionato che finora sembra essere destinato a concludersi con una corsa a due tra San Luigi e Pro Gorizia, ma Giovannini vede anche una pericolosa outsider: “Il girone di ritorno sarà sicuramente un altro campionato e dipenderà tanto dal nostro ritmo e da quello della Pro Gorizia, ma se dovessi fare un nome sarebbe il Torviscosa”.

Venendo, invece, alle due vittorie di coppa, ecco le differenze tra i due successi conseguiti: “A livello emotivo la prima non si scorda mai e i rigori dell’anno scorso hanno amplificato la tensione di una partita molto combattuta e di conseguenza anche la gioia finale. Quest’ultima però è stata la conferma del buon lavoro che stiamo facendo in questo periodo e ci dà maggiore consapevolezza dei nostri mezzi. A chi la dedico? Alla squadra, al mister, al presidente, alla società e soprattutto ai bambini e ai ragazzi delle giovanili che sono venuti a sostenerci fino a Fontanafredda”.

Nel prossimo turno avversario sarà il Cordenons: “Mi aspetto una partita difficile in cui dovremo essere pazienti e decisi per riuscire a portare a casa i 3 punti e iniziare al meglio il girone di ritorno. Obiettivi per il 2019? Sono soddisfatto di questo 2018, ma ovviamente punto a migliorarmi sia come giocatore che come persona, sperando che anche quest’anno mi riservi delle grandi gioie”.