Moro: “Union Pasiano prima? Nessuno stupore”

Ziroldo, Canton e Presotto dell'Union Pasiano
Ziroldo, Canton e Presotto dell’Union Pasiano

Tre squadre per un posto: da una parte la difesa bunker del Vibate, battuta finora in sole 17 occasioni; dall’altra l’attacco atomico di un’Aurora Pordenone che ha fin qui messo a segno ben 49 reti e che ha nella coppia Antwi-Roveredo i propri gioielli. In mezzo il grande equilibrio di una Union Pasiano che ha nel collettivo il proprio punto di forza e che può contare su un calendario sulla carta più favorevole. Se molti la considerano la vera rivelazione del torneo, c’è anche chi però l’aveva inserita nel novero delle favorite già ad inizio campionato, ossia Raffaele Moro.

Il tecnico del Morsano conosce bene la realtà rossoblù: a Pasiano ha allenato per due campionati e molti dei giocatori che ora fanno faville agli ordini di Antonio Fior li ha lanciati lui: «Non avevo dubbi sulle potenzialità dell’Union Pasiano e sinceramente non capisco come ci si possa stupire di quanto stanno facendo – commenta Moro -. Sono ragazzi molto in gamba che già quando allenavo lì avevano dimostrato di avere un buon potenziale, ma ovviamente erano troppo giovani per rendere al massimo”.

“Ora hanno acquisito più malizia e sanno come devono destreggiarsi nelle varie occasioni. Hanno imparato a tenere il risultato e a non buttare via punti importanti nei finali, quindi non mi stupisco affatto che in Seconda categoria facciano la loro degna figura. Un pronostico? Non mi sbilancio, nel calcio può succedere di tutto, ma spero che alla fine la spuntino perché sarebbe una bella soddisfazione anche per chi in loro ha sempre creduto, come il sottoscritto».