Ribaltone Isontina. Visintin: “Scelta dolorosa ma necessaria”

DSC_0526Cambio della guardia all’Isontina. Nicola Trangoni è stato infatti esonerato dalla dirigenza giallorossonera dopo gli ultimi rovesci in campionato, che hanno allontanato la squadra dalle posizioni di vertice dopo un buon avvio di stagione.

“E’ stata una scelta a dir poco dolorosa perché quella di Trangoni era una nostra scommessa – commenta il presidente Paolo Visintin -. Peccato perché tutto era andato molto bene fino al termine del girone d’andata. Nel ritorno la squadra non ha più girato, e nell’ultimo mese sono arrivati solo due punti con tanto di malumori nello spogliatoio. La classifica non è di per sé da buttare, quindi se si doveva cambiare lo si doveva fare ora”.

A prendere il posto di Trangoni arriva Massimiliano Bertossi, un cavallo di ritorno, avendo già allenato a San Lorenzo anni fa: “E’ un caro amico ed era già uno dei papabili la scorsa estate quando scegliemmo Trangoni. Conosce bene l’ambiente e alcuni giocatori, per cui non può che essere l’uomo giusto. Lui qui è quasi di casa”.

Con nove gare ancora da disputare c’è ancora tempo per centrare i play-off: “Sì, ma occhio anche alle squadre che stanno dietro. Basta poco per farsi risucchiare in zone pericolose – conclude Visintin -. Le ultime due sconfitte interne non mi sono piaciute per niente, né per il gioco, né per il fatto di aver schierato una sola punta. Ad ogni modo, auguro a Trangoni il meglio, perché ha tutte le qualità per diventare un grande allenatore”.