Tomizza con licenza di segnare: «E adesso vogliamo i play-off»

Il Vesna sente profumo di play-off

Non è di primo pelo Daniel Tomizza. E neppure, pur avendo spesso e volentieri agito da difensore, da terzino sinistro, è digiuno in fatto di gol segnati, anzi. Ma mai aveva, il satanasso triestino classe 1983, messo a segno una tripletta come accaduto nel derby con il Costalunga: “E’ stata una bella esperienza, e il merito va condiviso con i compagni e con mister Massai, il quale mi sta proponendo da centrocampista centrale con licenza di inserirsi – spiega il diretto interessato -. Di conseguenza ho più libertà di arrembare, di propormi in chiave offensiva, anche perché ho la fortuna di giocare al fianco di Pipan, un regista che ragiona molto, che sa far girare come pochi il cuoio. E, in effetti, quello del possesso palla è un po’ il nostro credo. Il Costalunga è partito bene, Steiner ha colpito un palo, poi però non c’è stata storia: temevamo la loro fisicità, abbiamo visto confermate le nostre qualità”.

E il bello potrebbe dover ancora arrivare… “I play-off erano e sono il nostro obiettivo; veniamo da risultati assai buoni, ma ci attendono gare assai dure a cominciare da quella con la Pro Fagagna” guarda avanti il centrocampista, già arrivato a quota 10 centri in stagione. “Ne avevo segnati 6 in serie D, ma partendo da posizione ben più arretrata. Perché ho scelto il Vesna? Perché di solo calcio non si vive: mi voleva il Tamai, ma ho reputato che fosse giusto restare vicino a casa e mettere a frutto la laurea in Scienze dell’educazione, trovandomi un lavoro. E così è stato”. Buon per il Vesna, mai così minaccioso: chiedere, per conferma, al Costalunga, che faticherà a digerire il bruciante 4-0.