Vecchiato: “Ci serve un bomber di razza”

porpettoPronti, via e le sputafiamme non hanno perso tempo nell’incendiare il girone C. A cominciare dal Castions di Cudin, che non può certo nascondersi considerato che ha ulteriormente rinforzato l’intelaiatura con la quale nel passato torneo per poco non centrò il salto di categoria.

Dopo la scoppola del match inaugurale contro il Fauglis, il Porpetto è tornato a sorridere con i tre punti raccolti, non senza sofferenze, contro il Bearzi: “Per il sottoscritto il Fauglis può dare filo da torcere al Castions, la differenza di età tra i bianconeri e noi era spaventosa, loro sono una squadra molto più esperta e smaliziata – rimarca il ds del Porpetto, Max Vecchiato -. Quest’anno sappiamo che dovremo soffrire, il nostro scudetto sarà conquistare la permanenza in Seconda e per riuscirci sarà importante trovare l’attaccante che ci manca dopo che Turchetti ha scelto di lasciarci a fine luglio e di tornare alla Sangiorgina”.

Tra le compagini più attese, c’era sicuramente il Real Udinest, infarcita di giocatori di nome: lo squadrone di Baulini a Premariacco è riuscito a fare bottino pieno estraendo dal cilindro nel momento giusto il talentuoso Giacomello, e non ha poi avuto problemi con il Malisana.