Virtus Corno, che scommessa! Tortolo: “Età media di 20 anni”

IMG_6646_1024x683Quattro punti in due giornate, ma non per questo la sfida non resta delle più complicate. Perché, gratta gratta, dietro alla sfida Virtus Corno ci sono tante altre scommesse su giocatori che spesso non avevano mai messo piede in Eccellenza, o che l’avevano lasciata da un po’, o ancora che andavo recuperati, oltre che su un battaglione di giovani di belle speranze però da concretizzarsi. A guidare tutti, il navigato Gianni Tortolo: navigato, ma senza mai perdere entusiasmo, motivazioni, consapevolezza che non bisogna adagiarsi sugli allori, ma cercare sempre di migliorarsi, di approfondire…

Non ha, quindi, nulla di scontato la stagione virtussina: “L’età media della squadra è sui 20,5 anni, e ciò dice molto, quasi tutto. Sono soddisfatto perché vedo mettere in pratica quello che proviamo e riproviamo durante la settimana – sottolinea Tortolo -. Non siamo ancora brillanti e i problemini non ci mancano, come del resto non mancano alle altre squadre a questo punto della stagione. Credo, sia soprattutto una questione di motivazioni, e le nostre sono importanti”.

Capita così che l’ex Caporiacco Zucchiatti, un giocatore con buone qualità ma definito un po’ bizzoso, esordisca firmando una tripletta; o che l’89 Torossi (il più anziano, si fa per dire) torni dopo due anni e lo faccia trasmettendo un’incredibile positività, armato di modestia e di spirito di squadra; o ancora che la squadra riesca ad ammortizzare assenze come quelle di Missio, Mosanghini, del portiere ’96 Caucig, rilanciando i vari Zanon, Zampa, e pure Passalenti, pescato in Prima categoria, in attesa di un Diaw completamente ristabilito. Allora vuol dire che tante scommesse si possono vincere e che le spalle di Tortolo sono coperte anche dalla presenza di quella Juniores che l’anno scorso non c’era. Tutto scontato? Assolutamente non pare essere questo il caso.