De Ponte e Chiminello trionfano nel Trofeo Fragole e Lamponi

I portacolori della Chiarcosso Help Haiti
I portacolori della Chiarcosso Help Haiti
I portacolori della Chiarcosso Help Haiti

La prima edizione del Trofeo Fragole e Lamponi di Attimis è stato un autentico successo per numero di partecipanti unita alla puntuale organizzazione del Gruppo Sportivo K2. Gara valida come seconda prova del Trofeo dello scalatore 2013 ACSI, la corsa friulana ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Campione Italiano della montagna, Alessandro Magli, e del vincitore del Giro del Friuli amatori 2012, lo sloveno Borja Jelic.

Due i gruppi in gara: nel primo, composto dal Cedetti, Junior e Senior, il ritmo è indiavolato sin dai primi chilometri. Nessuno riesce ad evadere dal gruppo e solo in vita del primo traguardo volante Nicola Forgiarini (De Luca) riesce a guadagnare qualche metro utile a transitare per primo. Nel secondo giro, invece, la fuga buon si materializza dopo pochi chilometri dal passaggio di Attimis. Quattro corridori si avvantaggiano e Marco Toniutti s’impone nel secondo traguardo volante. Comincia l’ascesa che conduce a Subit (oltre quota 700 metri slm) e Stefano Casagrande (Spinacé) prende l’iniziativa con Toniutti alla sua ruota. I battistrada vengono raggiunti da Andrea Chiminello (Punto Bike) in prossimità del Borgo Cancellier, quando mancano 2 chilometri alla conclusione e il friulano sfrutta alla perfezione il falso piano per piazzare lo scatto decisivo che non ammette repliche. E’ lui ad aggiudicarsi la gara con Alessandro Magli al secondo posto.

Nel secondo gruppo in gara (Gentlemen, super Gentlemen e Donne) non cambia il canovaccio; il gruppo viaggia ad andatura sostenuta e solo in prossimità del traguardo volante riesce il tentativo isolato dell’austriaco Pertl (GF della Carinzia) e di Daniele Canesin (Engine & Bikes). Le prime rampe fanno selezione e Cabbai, Silvestrin e Lorenzon si avvantaggiano. La GF della Carinzia tenta di ricucire lo strappo riportando tra i primi anche Maurizio De Ponte. Il portacolori del Federclub Trieste è abile ha sfruttare il lavoro del duo del Bike Center Team, Cabbai e Masetti, per aggiudicarsi la corsa allo sprint. Tra le società, successo del Chiarcosso Help Haiti di Sante Chiarcosso, al quale la squadra ha voluto dedicare la corsa con l’augurio di un pronto rientro in gruppo.