Grande successo per la Gran Fondo del Friuli

gran fondo del friuliGrande successo per il ritorno della Gran Fondo del Friuli, organizzata dal gruppo sportivo Ciclismo Buttrio, presiduto da Lorenzo Flebus. La manifestazione si è svolta nei giorni scorsi, riprendendo il filo delle tante edizioni svolte e fissando l’arrivo della prima tappa con tappa al Faaker See in Carinzia.

Assieme al gruppo sportivo austriaco RLM Omya Villach e con la società slovena del KK Soca, gli organizzatori friulani avevano predisposto un programma ed una organizzazione, degni delle più importanti manifestazioni internazionali. La Gran Fondo del Friuli è stata baciata dal sole, durante le due giornate di gara ed i partecipanti hanno potuto assaporare il vero cicloturismo, praticato ad andatura regolata dagli stessi cicloturisti.

Ben 232 sono stati i cicloturisti partecipanti, che hanno pedalato sui percorsi delle due tappe previste dal programma. La prima frazione, da Buttrio al Faaker See, lungo i 145 chilometri hanno ammirato le bellezze delle splendide località della pedemontana friulana. Sono state attraversate le località di Savorgnano del Torre, di Tarcento, di Gemona del Friuli, capitale del terremoto del 1976, di Venzone, per posi inoltrarsi lungo la Val Canale ed il Canal del Ferro, prima di arrivare a Tarvisio e incontrare gli splendidi paesaggi carinziani. All’arrivo al Faaker See, il più meridionale dei laghi austriaci, all’Arneitz Village i cicloturisti sono stati accolti con grande entusiasmo. In pochi minuti tutti i partecipanti sono stati sistemati negli ottimi hotel e gasthof, che il comitato organizzatore aveva individuato. Nella serata di sabato 1 giugno, dopo la cena, nel grande ristorante dell’Arneitz Village, si sono svolte le premiazioni della prima tappa, con la partecipazione di Michelz, vicesindaco di Finkestein, Hoi, presidente del RLM Villach, nonché Reidl direttore ufficio turistmo di Faak am See.

Nella seconda tappa, che riportava i cicloturisti da Faak am See a Buttrio, si è dapprima scalato il Passo Predil e successivamente si è percorsa la valle dell’Isonzo, fino a Caporetto, dove ai piedi del Mausoleo della Grande Guerra, era fissato il ristoro

All’arrivo di Buttrio, nel palafeste, pasta party, con premiazioni finali, alla presenza del sindaco di Buttrio, Venturini, del responsabile del Settore Ciclostustico-amatoriale del Friuli, Vicenzutto e del presidente del KK Soca Pavel Sivec, nonche del presidente della società organizzatrice Lorenzo Flebus.