Marescutti da podio ai Campionati Italiani XC

Il podio di Gorizia
Il podio di Gorizia (Foto Billiani)

Alla fine il lavoro paga. E’ quello che tutto lo staff della Trivium Lee Cougan ha pensato alla fine del Campionato Italiano XC, andato di scena al Parco Piuma di Gorizia domenica. Un week end cominciato con la sfortuna- con il capitano Marcello Pavarin caduto in prova percorso e costretto ad un viaggio in ospedale, fortunatamente con niente di rotto ma con tante botte e terminato con la gioia e le emozioni che tutti i ragazzi hanno dato a chi li segue.

Di buon mattino, ma già con l’afa e il caldo a farla da padrone, sono partiti gli juniores. Lotto agguerrito con ben 120 atleti al via, tutti a contendersi il titolo tricolore con i pronosticati intenti a ben figurare davanti al ct Pallhuber. I media non avevano messo gli atleti della Trivium tra i papabili, nonostante a livello juniores la squadra spesso abbia piazzato ottime top ten con 2-3 atleti nelle gare internazionali.

Dietro a Pellizzon, Naspi e Cerqui rinveniva da metà gara prepotentemente Michele Marescutti, prima con il compagno Lorenzo Dal Piva, poi tutto solo in cerca di un piazzamento sul podio. Molto costante in tutti i giri, Michele ha fatto sognare tutti, avvicinandosi pesantemente al bronzo nel corso del penultimo giro. Ha lottato come un leone, non è riuscito ad agguantare il terzo posto ma ha chiuso ottimo 4° salendo così comunque sul podio e lasciando dietro atleti della nazionale come Sala e Mandelli.

Il successo di squadra è confermato anche da tutti gli altri tre, nessuno uscito dalla top 25 : Lorenzo Dal Piva 17°, Alessandro Zoppelli 18° (calati nel finale dopo aver fatto metà corsa nelle prime 10 posizioni), Stefano Coletto 25°. Considerando il parterre di 120 iscritti, e considerando che solo 80 hanno concluso dentro tempo massimo, alla Trivium non si possono di certo lamentare.

Tra gli Under 23 Davide Nardei ha chiuso al 21° posto, con una prova di buon livello nonostante la sfortuna che l’ha colpito nel corso del 4° giro con una foratura, che gli ha fatto perdere parecchie posizioni. Un’ottima esperienza per il futuro, visto che il ragazzo è al secondo anno della categoria.