Pittarella: “Chiediamo il sostegno da parte della Regione”

Riceviamo e pubblichiamo l’appello della SC Fontanafredda a firma del presidente Gilberto Pittarella.

Si è appena concluso, la  “30^ Casut Cimolais  17° Giro del Friuli V.G. Juniores” manifestazione ciclistica a tappe organizzato dalla ns. società, con uno splendido riscontro sportivo, tecnico e turistico.

La ns. società da 45 anni organizza manifestazione ciclistiche ad alto livello ed in particolare per il 2019 ha programmato, già da Agosto 2018 ed inserito nel calendario Nazionale della Federazione Ciclistica Italiana,  appunto la “30^ Casut Cimolais 17° Giro del Friuli V.G. Juniores”, gara internazionale a tappe per la cat. Juniores (ragazzi di 17/18 anni) con squadre provenienti da tutta Italia e da Austria, Slovenia, Croazia e Russia.

Per organizzare una tale manifestazione è necessario, per tempo, programmare molte pedine, quali Direzione gara,  Alberghi, Giuria, Servizio sanitario, Palchi e transenne, Scorta tecnica e molto altro.

Il tutto a completo carico nostro. In particolare le oltre 300 persone  della Carovana, che è composta, tra atleti, accompagnatori, giuria direzione agra servizi tecnici, autisti, sono ospitate, completamente a nostre spese, nelle strutture alberghiere della Regione Friuli V. G; senza tenere conto dell’enorme lavoro svolto a titolo gratuito dai molti volontari, amici della S.C. Fontanafredda

Il Direttivo della Società considerate le notevoli spese si è subito attivato per  recepire i fondi necessari ed oltre a diversi “amici” sostenitori aveva avuto la garanzia da parte della regione Friuli V. G. di un contributo adeguato al tipo di manifestazione

Il Servizio Turismo della Direzione Centrale delle Attività Produttive ha emanato, nei giorni scorsi, cosi come previsto dalla L.R. 21/2016 art. 62, l’elenco del 1° bando 2019  dei Contributi a favore delle Associazioni, Enti e Comuni.

Ora, visto l’elenco dei contributi emesso dal Servizio Turismo della Regione Friuli V.G. e visto l’importo che ci è stato concesso, che si è ridotto del 75% da quello del 2018 (di cui facevamo affidamento) ci chiediamo  quali sono state le modalità di classificazione da parte del “Comitato di valutazione”.

Viste e considerate le attività ed i riscontri di promozione turistica che una manifestazione come la nostra ha sul territorio regionale, non riteniamo corretto il punteggio a noi assegnato .

Senza fare confronti e/o considerazioni specifiche con altri eventi, anche di carattere sportivo, ci sentiamo di sollevare una specifica richiesta all’ Assessore Bini ed al Direttore Delfabro.

Il problema è che la manifestazione si è ormai svolta, come detto con ampio successo, ed ora ci sono da pagare tutti i servizi di cui sopra. Come facciano? Saremo costretti, per far fronte ai suddetti pagamenti, a chiedere un “aiuto” ai genitori e dirigenti; il che non ci sembra sportivamente corretto”.