Serie B – Cade il fortino del Pordenone: il Pescara passa 2-0

PORDENONE – PESCARA 0-2   (51′ Zappa, 58′ Galano)

PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio; Almici, Camporese, Barison, De Agostini; Zammarini (57′ Misuraca), Burrai, Pobega; Gavazzi (55′ Chiaretti); Strizzolo (56′ Candellone), Bocalon. A disposizione: Bindi, Passador, Stefani, Vogliacco, Semenzato, Pasa, Mazzocco, Bassoli. Allenatore: Tesser.

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Drudi, Scognamiglio, Bettella; Zappa, Memushaj, Palmiero (88′ Bruno), Machin (91′ Bocic), Del Grosso; Galano, Maniero (68′ Crecco). A disposizione: Kastrati, Farelli, Ciofani, Borrelli, Melegoni, Masciangelo. Allenatore: Legrottaglie.

Arbitro Sacchi di Macerata, assistenti Palermo di Bari e Grossi di Frosinone. Quarto uomo Carrione di Castellammare di Stabia.

NOTE: angoli 4-3. Ammoniti De Agostini, Camporese, Palmiero e Barison. Recupero: 0′ pt, 6′ st. 3.716 spettatori (di cui 1.463 abbonati) per un incasso complessivo di 30.385 euro.

Sconfitta casalinga per il Pordenone contro il Pescara: gli abruzzesi passano per 2-0 allo Stadio Friuli grazie alle reti di Zappa e Galano nella ripresa. Queste le parole di Attilio Tesser al termine del match: “È stata una giornata no. Il Pescara ha meritato, ci è stato superiore sotto tutti i punti di vista. Noi abbiamo giocato una delle nostre partite più brutte e siamo stati puniti da una squadra forte. In settimana abbiamo lavorato bene, dovrò analizzare bene questa sconfitta perché non me l’aspettavo. Di sicuro non è mancato l’impegno, ma abbiamo sbagliato tutto il resto.

Noi abbiamo bisogno di essere squadra sempre, anche nelle giornate meno brillanti. Se non riusciamo a essere squadra arrivano prestazioni come quella di oggi. In gare complicate come quella di oggi, subire il secondo gol su calcio d’angolo in questo modo fa male. Avevo avvisato la squadra di stare attenti a Galano, che nonostante non sia altissimo riesce sempre a essere pericoloso.”