Serie C – Pari senza reti tra Sambenedettese e Triestina

Foto Matteo Nedok

S.S. SAMBENEDETTESE – U.S. TRIESTINA CALCIO 1918  0-0

S.S. SAMBENEDETTESE: Santurro; Rapisarda, Miceli, Di Pasquale, Gemignani; Gelonese, Angiulli, Rocchi; Orlando (75′ Volpicelli), Cernigoi, Di Massimo (59′ Frediani).  A disp: Raccichini, Fusco, Trillò, Zaffagnini, Bove, Piredda, Carillo, Brunetti, Garofalo, Panaioli.  All. Paolo Montero

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918: Offredi; Formiconi, Malomo, Lambrughi, Frascatore (79′ Scrugli); Mensah (65′ Ferretti), Paulinho (59′ Steffè), Maracchi, Procaccio (46′ Gatto); Costantino (46′ Beccaro), Granoche.  A disp: Matosevic, Codromaz, Hidalgo, Giorico, Gomez, Vicaroni.  All. Massimo Pavanel

ARBITRO: Matteo Gariglio (Pinerolo – TO)  ASSISTENTI: Basile (Chieti) Di Giacinto (Teramo)

NOTE: Pomeriggio caldo e afoso, terreno di gioco in discrete condizioni seppur con diversi punti insidiosi. Ammoniti: Procaccio, Frascatore, Gatto (Ts), Angiulli, Rocchi, Gelonese (Sa) per gioco falloso. Recupero: 0′ e 3′

LA CRONACA – Seconda di campionato e prima trasferta stagionale per i rossoalabardati, di scena nel sempre ostico “Riviera delle Palme” contro la Samb di Montero, partita come l’Unione con una vittoria all’esordio. Mister Pavanel recupera Lambrughi e Formiconi schierandoli entrambi dal 1′ al posto di Codromaz e Scrugli, non è invece al meglio Giorico che in mediana cede il posto a Maracchi, confermato invece il resto della formazione che ha battuto il Gubbio una settimana fa al “Rocco”.

Non bisogna attendere molto per il primo spunto di cronaca, appena 90″ infatti e Mensah scatena la sua corsa in contropiede arrivando in piena area in posizione leggermente defilata, piattone destro sull’accenno di uscita di Santurro con palla alta di poco. Dopo qualche minuto a ritmi relativamente blandi complice il grande caldo, al 10′ prima fiammata marchigiana con Di Massimo che da sinistra centra basso, Cernigoi gira a botta sicura nel cuore dell’area giuliana e Offredi dice di no con un grande riflesso. Poco dopo cerca fortuna col destro ancora Di Massimo, il suo tiro dal limite da posizione defilata termina di poco a lato con Offredi in controllo. Dopo diversi minuti senza situazioni di rilievo, vicini alla mezz’ora si fanno vedere pericolosamente gli alabardati, Costantino si avventa su un errato disimpegno marchigiano e solo una spericolata quanto efficace uscita bassa di Santurro tiene in parità la situazione. Nell’ultimo quarto d’ora un paio di potenziali situazioni pericolose per parte, i marchigiani trovano anche la rete con Cernigoi ma in evidente fuorigioco, dalla parte opposta manca l’ultimo passaggio per far male dalle parti di Santurro, la logica conseguenza è il rientro negli spogliatoi sullo 0-0 di partenza.

Al rientro in cambio doppio cambio alabardato, Beccaro e Gatto sostituiscono Costantino e Procaccio, con Mensah che va ad affiancare Granoche nel reparto avanzato. Avvio di ripresa sulla falsa riga del primo tempo, pressing e agonismo con poche emozioni, salvo un destro di poco fuori di Rocchi al 12′. Subito dopo un cambio per parte, la Samb toglie Di Massimo e inserisce Frediani, la Triestina fa entrare Steffè per Paulinho. Poco prima del 20′ potente mancino al volo di Angiulli su azione da corner, la palla si perde a lato con Offredi in controllo, la pausa che ne segue vede l’ingresso in campo di Ferretti per Mensah. I padroni di casa premono ma non sfondano, l’Unione sorniona cerca il momento giusto per colpire e al 26′ va ad un soffio dal vantaggio, Ferretti innesca con un magico tocco Gatto che entra in area da destra e calcia potente colpendo il palo pieno a Santurro fuori causa. Un minuto dopo ancora Gatto centra tagliato da destra, Granoche cerca una difficile torsione aerea dal dischetto spedendo alto. Alla mezz’ora brivido in area alabardata, corner prolungato sul secondo palo sul quale Rapisarda arriva scoordinato in spaccata ciccando il tocco da pochi passi. Nell’ultimo quarto d’ora nulla di particolare da segnalare, la contesa si chiude quindi con un punto per parte. Grande volontà da parte dei padroni di casa, ma le occasioni più clamorose sono dell’Unione, l’ultima delle quali con un palo clamoroso di Gatto a negare i tre punti.