Doppio colpo in difesa: in arrivo Semenzato e Pellegrini

Eros Pellegrini
Eros Pellegrini

Doppio colpo di mercato in difesa per il Pordenone, che si assicura le prestazioni di Eros Pellegrini, classe ’90, e Daniele Semenzato, classe ’87, entrambi ora legati ai Ramarri fino a giugno 2018.

Pellegrini, esterno destro di difesa originario di Treviso, nell’ultima stagione ha giocato nella Robur Siena nel girone B della Lega Pro. In precedenza ha vestito le maglie di Pisa, Viareggio, Palermo e Pavia. In Lega Pro ha totalizzato 115 presenze e due reti.

Semenzato, originario di Montebelluna, esterno sinistro di difesa, nell’ultimo triennio ha giocato nel Bassano. Vinta il primo anno la Seconda divisione (e la Supercoppa), nei due successivi ha disputato i playoff. In precedenza ha vestito le maglie di Cittadella e Frosinone in serie B, Treviso, Lecce, Cremonese, Como, Venezia, Portogruaro e Montichiari in Lega Pro. In totale 208 presenze e 11 reti (record stagionale di 6 nel 2013/2014).

Daniel Semenzato
Daniel Semenzato

«Nella scorsa stagione ho visto più volte il Pordenone: bel gioco, qualità e gran collettivo – le prime parole da neroverde di Pellegrini -. Sono felice di arrivare in una società organizzata, con un centro sportivo che mi ha subito stregato: in Italia ce ne sono pochi così. Con mister Tedino c’è stata da subito intesa. Il mio ruolo? Sono un terzino destro con vocazione offensiva. I vecchi-nuovi compagni Burrai, Arma e Mandorlini? Tre top della categoria. Burrai ha grande tecnica e personalità; Arma una garanzia, a Pisa gli ho fatto parecchi cross; Mandorlini ha dimostrato anche a Pordenone il proprio valore: qualità e quantità»

Così invece il collega di reparto Semenzato: «Arrivo a Pordenone con tanta voglia di far bene. Con il Bassano lo scorso anno abbiamo duellato a lungo con i neroverdi, che poi sono arrivati secondi giocando un gran calcio e divertendo, con una società seria, un allenatore importante e un ottimo centro sportivo. C’è tutto per continuare quanto di buono fatto nella stagione passata. Conosco quasi tutti i nuovi compagni, in particolare gli ex Bassano Berrettoni, Cattaneo e Ingegneri. Ci sarà sicuramente un bel gruppo, la base per ottenere risultati di livello».