Ferrante castiga la Triestina: contro il Fano è 0-1

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – A.J. FANO 0-1 (Ferrante 11’)

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-2-3-1): Valentini; Formiconi (60’ Bariti), Malomo, Lambrughi, Sabatino (83’ Pizzul); Coletti, Maracchi (83’ Steffè); Petrella (83’ Bracaletti), Beccaro (60’ Hidalgo), Mensah; Procaccio. A disp: Boccanera, Libutti, Loschiavo, Codromaz, Gubellini, De Panfilis, Bolis.  All. Massimo Pavanel

A.J. FANO (3-5-2): Voltolini;Sosa, Celli, Magli; Vitturini, Tascone (68’ Lazzari), Lulli, Selasi (68’ Ndiaye), Setola; Morselli (60’ Cernaz, 91’ Konate), Ferrante.  A disp: Sarr, Maloku, Konate, Mancini, Scimia, Diallo, Acquadro.  All. Massimo Epifani

ARBITRO: Paterna (Teramo)  ASSISTENTI: Assante (Frosinone) NOTARANGELO (Cassino – FR)

NOTE: Ammoniti: Lambrughi (Ts) e Ferrante (Fa) per reciproche scorrettezze, Vitturini (Fa) e Coletti (Ts) per reciproche scorrettezze. Lulli, Lazzari (Fa) per gioco falloso. Recupero: 1’ e 5’

LA CRONACA – Unione nei primi minuti in attacco, andando al tiro con Formiconi su azione da corner e con Mensah di testa su cross di Maracchi. Ospiti chiusi a riccio con un abbottonato 3-5-1-1, ma capaci alla prima occasione di passare in vantaggio: è l’11’ quando Ferrante riceve dalla destra e trova un pregevole mancino a giro che si infila sul secondo palo. Al quarto d’ora Formiconi insacca la rete del potenziale pareggio ma la sua posizione è di offside e l’assistente vanifica la rete ravvisando la posizione irregolare. L’Unione ci prova senza precisione prima con Procaccio poi con Maracchi, il Fano resta guardingo e pronto a ripartire, rischiando relativamente poco e pressando con grande intensità.

Si arriva così all’intervallo sul punteggio di 0-1, Paterna concede agli ospiti un gioco piuttosto ostruzionistico, ma l’Unione dal canto suo evidenzia difficoltà in fase di conclusione e non riesce a creare pericoli di rilievo dalle parti dell’ex Voltolini.

Si riparte con gli stessi effettivi, Triestina all’attacco con Malomo che finisce giù in area su azione da corner al 1’, per Paterna è tutto regolare. Unione al tiro con Procaccio al 6’, Voltolini contiene con affanno in due tempi.  Al quarto d’ora è Coletti su azione da corner ad essere affossato da un difensore, anche qui Paterna sorvola. Subito dopo doppio cambio Triestina, Hidalgo e Bariti per Beccaro e Formiconi con passaggio alla difesa a tre. Pochi secondi e anche gli ospiti operano un cambio, dentro Cernaz per Morselli.

Al 18’ spunto di Maracchi sulla destra e cross rasoterra che attraversa tutta l’area piccola, Mensah ostacolato da un difensore non ci arriva di un soffio in spaccata. La sfida complice anche la permissività di Paterna verso gli ospiti, è molto spezzettata e la Triestina non riesce a trovare continuità e conclusioni pericolose. Perdite di tempo e fischi continui caratterizzano l’ultimo quarto di gara, la Triestina mette in mezzo un numero elevato di cross senza però trovare la dovuta precisione, il girone di andata si chiude così con una battuta d’arresto che non cambia granchè la sostanza quanto a classifica, ma che comunque non ci voleva proprio.