Pordenone, contro la Fermana arriva il primo stop in campionato

Pordenone-Fermana 0-1 (31′ pt Giandonato (rig.))

PORDENONE (4-3-1-2): Bindi; Semenzato (32′ st Florio), Stefani (45′ st De Anna), Barison, De Agostini; Gavazzi, Burrai, Bombagi (1′ st Ciurria); Berrettoni (32′ st Bertoli); Candellone, Magnaghi (7′ st Germinale). A disp.: Meneghetti, Nardini, Damian, Zamuner, Cotroneo, Bassoli, Cotali. All. Tesser.

FERMANA (4-3-1-2): Ginestra; Comotto (16′ st Soprano), Scrosta, Sarzi Puttini, Clemente; Misin, Giandonato (42′ st Fofana), Urbinati; D’Angelo (27′ st Calzola); Maurizi (42′ st Da Silva), Lupoli (27′ st Cognigni). A disp.: Marcantognini, Guerra, Zerbo, Iotti, Kacorri, Nasic, Marozzi. All. Destro.

ARBITRO: Maranesi di Ciampino. Assistenti: Fantino di Savona e Biava di Vercelli.
NOTE: ammoniti Magnaghi, Bombagi, Giandonato, Comotto, Lupoli, Burrai, Barison. Angoli 16-2. Spettatori 1.150, incasso 8.540 euro. Recupero: pt 1′; st 7′.

Primo ko in campionato per il Pordenone che cede per 1-0 in casa alla Fermana, ma resta comunque in vetta al girone B di Serie C. Decisivo un rigore trasformato da Giandonato alla mezz’ora. Annullato un gol a Magnaghi con decisione alquanto dubbia del direttore di gara.

Non fa drammi il tecnico dei ramarri, Attilio Tesser: “Partita difficile e lo sapevamo. Loro sono una squadra solida e la loro gara è stata quella che ci aspettavamo: difesa e contropiede. Abbiamo avuto le nostre occasioni e i nostri episodi dubbi. Complimenti a loro, ma è stato un secondo tempo in cui si è giocato davvero poco. Non eravamo fenomeni prima, non siamo brocchi adesso. Se avessimo vinto non sarebbe comunque cambiato niente. È un campionato equilibrato e questa è stata la prima sconfitta stagionale: rimaniamo una buonissima squadra. Mercoledì giocherà chi gioca meno, e debutteranno anche dei giovani. In campionato troveremo partite difficili e campi pesanti, quindi in Coppa ci sarà sicuramente un ampio turnover“.

A parlare è stato anche Davide Gavazzi: “Non so se la sconfitta sia meritata o no, ma è arrivata. Avevamo preparato bene la partita, ma abbiamo subito il nostro unico errore. Il gol di Magnaghi ci è sembrato regolare, ma è stata fatta una valutazione diversa. Qualche episodio ci è andato sicuramente a sfavore. Loro sono stati bravi, dobbiamo tornare a lavorare come e meglio di prima. Il gioco e le occasioni ci sono sempre, ultimamente siamo solo sfortunati ad andare in svantaggio per primi. Siamo fiduciosi e ribalteremo le cose già dalla prossima domenica“.