Serie C – Gautieri: “Morale alto. Importante la gestione della gara”

Tutto pronto in casa Triestina per il rientro in campo nella sfida playoff a Bressanone contro il Sudtirol. Queste le parole del tecnico Carmine Gautieri: “La squadra sotto l’aspetto mentale devo dire che ha lavorato bene, ha dato il massimo sin dal primo giorno della ripresa. Dal punto di vista fisico sicuramente non sarà al top, ma questo discorso riguarda anche tutte le altre squadre. Dobbiamo andare a fare la partita, a cercare assolutamente di vincere per andare avanti, il nostro obiettivo è quello. Dobbiamo cercare di gestire i due momenti della gara, essere furbi e capitalizzare al massimo le occasioni da gol. Sicuramente sarà una partita difficile vista anche la fisicità del Sudtirol, ma abbiamo qualità importanti per poter fare la differenza”.

Di fronte una squadra appunto molto fisica, brava a difendere e rapida nel ripartire: “Dovremo esser bravi nelle due fasi, quando attacchi devi capire cosa devi fare e quando difendi devi aiutarti l’uno con l’altro, cercando di non dare profondità a una squadra che ha giocatori importanti e di gamba. Abbiamo preparato la gara anche su questo e sono certo che sarà una partita diversa da quella giocata in campionato, così come sono sicuro che sarà una partita bella da giocare”.

Qualche defezione fisica di troppo, il morale del gruppo è però carico: “Il gruppo ha sempre risposto bene, ha sempre lavorato. E’ vero, abbiamo subìto più di qualche problema fisico ma abbiamo giocatori che sono cresciuti molto e possono sostituire chi non c’è, siamo corti in certe situazioni ma sono convinto che faremo una grande gara”.

L’importanza dell’equilibrio, considerando la freschezza nella prima parte di gara e la condizione fisica che nella ripresa potrebbe fisiologicamente venir meno: “Ecco perché è importante gestire bene le due fasi, quella iniziale e quella finale. Negli ultimi 20-25 minuti sicuramente di benzina ce ne sarà meno, così come sta succedendo anche nelle partite del massimo campionato. Dobbiamo esser bravi a gestire i momenti, a giocarla, a fare la partita che abbiamo preparato. L’abbiamo preparata sotto tanti aspetti e dobbiamo portarli in campo, nelle due fasi, nei due tempi, è lì che poi alla lunga devi fare la differenza”.