Serie C – La Triestina sbanca il campo della Fermana per 3-0

FERMANA F.C. – U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 0-3 (10′ Costantino, 82′ Gomez, 88′ Beccaro)

FERMANA F.C. (4-2-3-1): Gemello; Bellini (65′ Iotti), Comotto, Scrosta, Sperotto; Ricciardi, Persia; Bacio Terracino (83′ Mantini), D’Angelo (46′ Rolfini), Liguori (65′ Petrucci); Maistrello (77′ Cognigni). A disp: Palombo, Urbinati, Manetta, Venturi, Isacco, Molinari, Fiumicetti. All. Mauro Antonioli

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-4-2): Offredi; Scrugli, Malomo (62′ Codromaz), Lambrughi, Formiconi; Gatto (56′ Mensah), Giorico, Maracchi, Procaccio (77′ Beccaro); Costantino (56′ Gomez), Ferretti (62′ Granoche). A disp: Matosevic, Rossi, Frascatore, Paulinho, Steffè, Hidalgo, Vicaroni. All. Carmine Gautieri

ARBITRO: Alessandro Di Graci (Como) ASSISTENTI: Belsanti (Bari) Stringini (Avezzano – AQ)

NOTE: Serata fresca, terreno di gioco molto insidioso. Ammoniti: Maracchi, Mensah, Scrugli (Ts), Rolfini, Persia, Petrucci (Fe) per gioco falloso, Offredi (Ts) per comportamento non regolamentare. Espulso: Persia (Fe) al 35’st per doppia ammonizione. Recupero: 0′ e 3′

LA CRONACA – Unione a caccia di continuità dopo la bella vittoria al “Rocco” contro il Padova capolista nella prima di Carmine Gautieri, Fermana alla ricerca del primo acuto della nuova gestione Antonioli dopo il positivo esordio del tecnico con pareggio sul campo del Modena. L’infrasettimanale dell’undicesima giornata vede gli alabardati impegnati sul sempre ostico (e piuttosto insidioso quanto a terreno) campo dei canarini marchigiani. Mister Gautieri deve rinunciare a Granoche (virus influenzale) puntando sulla coppia d’attacco Ferretti-Costantino, per il resto l’undici di partenza è lo stesso dell’ultimo match di campionato. Padroni di casa con il totem Maistrello come riferimento offensivo centrale, supportato da una folta linea di trequartisti, anche in questo caso assetto e formazione di partenza pressoché immutati rispetto alla sfida del “Braglia”, con due soli cambi nell’undici titolare (Liguori e Bellini per Iotti e Urbinati).

Primo tentativo verso la porta dopo 2′ ed è alabardato, ci prova Ferretti su punizione dai trenta metri, Gemello controlla in presa bassa la potente conclusione. Ancora Ferretti protagonista al 6′ dopo un bel break di Maracchi sulla trequarti, mancino dai venticinque metri potentissimo con Gemello che salva i suoi con i pugni. L’ottimo approccio giuliano viene sugellato dal meritato vantaggio al 10′, Gatto lavora palla a sinistra e scarica per Giorico, destro potente dai venti metri respinto male da Gemello, Costantino è il più lesto a fiondarsi sul pallone insaccando il tap-in da posizione defilata. Il primo squillo gialloblù arriva al 18′ su azione da palla inattiva, la respinta della difesa alabardata è preda di Bacio Terracino che col destro dal limite impegna Offredi che devìa in tuffo.

Poco prima della mezz’ora da segnalare un paio di tentativi fuori misura, Ferretti da una parte e Sperotto dall’altra, la Triestina continua a giocare con grande compattezza e concentrazione. Al 33′ Triestina a un passo dal raddoppio dopo una bella azione corale, Costantino servito sulla destra da Procaccio pesca Ferretti che gira a rete col sinistro dai 7-8 metri spalle alla porta, Gemello si salva con affanno e sulla respinta Bellini anticipa Gatto pronto a mettere in rete da pochi passi. Molto meno pericoloso il tentativo di Ricciardi dai venti metri al 43′, il suo mancino termina alto con Offredi in controllo. E’ l’ultimo spunto di un primo tempo nel quale la Triestina ha tenuto in pugno il match per oltre mezz’ora, andando in vantaggio e sfiorando il raddoppio, lasciando l’iniziativa ai padroni di casa negli ultimi 10′ ma contenendo senza particolari affanni.

In avvio di ripresa nella Fermana dentro Rolfini per D’Angelo e prima vera palla gol gialloblù al 5′ sugli sviluppi di una rimessa laterale, Liguori cerca la rovesciata trovando Lambrughi a pochi passi dalla porta a salvare con Offredi battuto. Non succede granché per una decina di minuti, al minuto undici doppio cambio alabardato con Mensah e Gomez per Gatto e Costantino. Al 17′ altro doppio cambio dell’Unione, Granoche prende il posto di Ferretti e Codromaz subentra a Malomo, colpito duro al volto da Rolfini e costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Subito dopo nella Fermana dentro Petrucci e Iotti per Liguori e Bellini.

Al 25′ pericolosi i padroni di casa con un diagonale sinistro di Rolfini, Offredi è attento e Lambrughi in seconda battuta spazza via. A 13′ dal termine ultimo cambio Unione con Beccaro per Procaccio, la Fermana inserisce Cognigni per Maistrello. I padroni di casa cercano di produrre il massimo sforzo a caccia del pari ma negli ultimi 10′ devono far fronte all’inferiorità numerica, Persia scalcia Granoche e si vede sventolare il secondo giallo da Di Graci. Passano 2′ e la Triestina con grande efficacia trova il raddoppio, un gol splendido siglato da Gomez con una fiondata all’incrocio dai venticinque metri, rete davvero di pregevolissima fattura. L’Unione mette la ciliegina sulla torta di una grande serata nel finale, Beccaro in contropiede mette in buca d’angolo col diagonale destro dal limite, perfetto sigillo di una serata che porta alla Triestina altri tre punti fondamentali, sfatando il tabù Fermo e conquistando un successo tanto sudato quanto meritato.