Serie C – Pari per la Triestina nella tana dell’Imolese

IMOLESE CALCIO 1919 – U.S. TRIESTINA CALCIO 1918  1-1 (42′ Ferretti Rig., 48′ Boccardi Rig.)

IMOLESE CALCIO (3-4-2-1): Rossi; Boccardi, Carini, Della Giovanna; Schiavi, Marcucci, Alimi, Ingrosso (75′ Valeau); Belcastro (64′ Provenzano), Tentoni (46′ Vuthaj), Padovan (46′ Ngissah).  A disp: Libertazzi, Seri, Alboni, Suliani, Checchi, Latte Lath, Bolzoni, Artioli.  All. Gianluca Atzori

U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-3-3): Offredi; Cernuto, Codromaz, Malomo, Formiconi; Steffè (80′ Costantino), Paulinho (64′ Giorico), Beccaro (57′ Maracchi); Gatto (57′ Procaccio), Ferretti (64′ Granoche), Mensah.  A disp: Matosevic, De Luca, Hidalgo, Scrugli, Gomez.  All. Carmine Gautieri

ARBITRO: Alberto Santoro (Messina) ASSISTENTI: Salama (Ostia Lido) Fontemurato (Roma 2)

NOTE: Pomeriggio freddo con temperatura intorno ai 3°, terreno di gioco allentato ma in buone condizioni. Ammoniti: Tentoni, Della Giovanna (Im), Steffè, Malomo, Paulinho (Ts) per gioco falloso. Recupero: 2′ e 4′

LA CRONACA – Recupero infrasettimanale per i rossoalabardati, di scena al “Galli” di Imola contro i padroni di casa rivitalizzati dalla cura Atzori, imbattuto sin dal suo insediamento sulla panchina dei romagnoli (cinque pareggi e una vittoria col Carpi). Le tre partite in una settimana hanno fatto spendere energie fisiche e mentali all’Unione, Carmine Gautieri oltre alle assenze di Lambughi, Ermacora, Frascatore, Salata e Vicaroni decide di dare spazio a qualche giocatore più fresco, ecco quindi un 4-3-3 nel quale in cabina di regia parte Paulinho affiancato da Steffè e Beccaro, in avanti Gatto e Mensah agiscono sulle corsie a supporto di Ferretti mentre in difesa le scelte sono pressoché obbligate, Cernuto viene preferito a Scrugli sull’out di destra con Formiconi dalla parte opposta e Malomo-Codromaz come coppia centrale.

Dopo 2′ primo spunto romagnolo con una bella palla in profondità di Alimi per Padovan, l’uscita bassa di Offredi sventa il potenziale pericolo. Risposta immediata dell’Unione con uno spunto personale di Gatto, destro potente appena dentro l’area e intervento di Rossi a salvare i suoi. Al 20′ ci prova Steffè dalla grande distanza col destro, la conclusione termina a lato di poco senza tuttavia impensierire Rossi. Brivido al 26′ per la retroguardia giuliana, punizione dalla trequarti di Marcucci, Carini sbuca sul secondo palo ma non raggiunge il possibile impatto da buona posizione. Poche le vere emozioni almeno fino alla parte finale della frazione, al 41′ infatti Santoro ravvisa un fallo di mano in area imolese, la decisione appare obiettivamente dubbia per un’eventuale carica di Mensah che scalda gli animi dei romagnoli, l’episodio è importante e Ferretti non si fa pregare, mettendo nell’angolo basso alla sinistra di Rossi.

La rabbia del pubblico di casa viene placata a tempo di recupero abbondantemente scaduto, al 48′ infatti (minuti di recupero concessi due) su una palla inattiva Steffè in fase di rinvio colpisce Belcastro, per Santoro è rigore e Boccardi realizza colpendo il palo interno. Il pepe nella coda di un primo tempo avaro di emozioni fatta eccezione per l’avvio, si va negli spogliatoi in parità con due rigori che hanno acceso animi e polemiche.

Al rientro in campo doppio cambio nell’Imolese, Ngissah e Vuthaj prendono il posto di Padovan e Tentoni. Dopo una pericolosa uscita di Rossi su Gatto alle soglie dei sedici metri, si propone l’Imolese al 6′ proprio con Ngissah, piattone destro impreciso su interessante invito da sinistra di Ingrosso. Al 7′ grande percussione di Gatto sulla destra e pallone dentro che attraversa tutta l’area piccola non trovando la deviazione vincente degli avanti alabardati arrivati a rimorchio. Al 12′ primi cambi Unione, Maracchi entra al posto di Beccaro e Procaccio sostituisce Gatto. Poco prima del 20′ altri cambi con l’Unione che inserisce Granoche e Giorico per Ferretti e Paulinho, nei padroni di casa invece dentro Provenzano per Belcastro. Al 26′ proteste in area romagnola, Procaccio tocca dentro trovando il braccio piuttosto largo di un difensore, il ‘mani’ sembra netto ma le polemiche accese degli alabardati non portano Santoro a indicare il dischetto.

A 15′ dal termine nei padroni di casa dentro Valeau per Ingrosso, subito dopo un cross impreciso di Cernuto diventa quasi un pallonetto nel ‘sette’, Rossi è costretto a deviare in corner. Ultimo cambio Unione a 10′ dal termine, dentro Costantino per Steffè. Nel finale azione insistita degli alabardati, Granoche cerca la zampata su cross da sinistra di Formiconi ma la sfera termina alta. Allo scadere dei 4′ di recupero su azione da corner occasionissima per la Triestina, con una girata di Codromaz che si stampa sulla traversa a portiere battuto, sul prosieguo dell’azione Maracchi trova il gol in mischia ma la bandierina di Amir Salama vanifica la gioia all’ultimo respiro. Nel gelo di Imola la Triestina torna con un punto e un finale in crescendo che avrebbe probabilmente meritato miglior sorte, il pareggio permette agli alabardati di agganciare il Modena e rientrare in zona playoff, Modena che sarà prossimo avversario al “Rocco” domenica alle 17.30.