Serie C – Triestina, Bucchi nuovo allenatore: “Piazza straordinaria”

U.S. Triestina Calcio 1918 comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Cristian Bucchi. Il nuovo Mister dell’Unione si è legato ai colori rossoalabardati con un contratto di durata biennale.

Nato a Roma il 30 maggio 1977, Cristian Bucchi è un allenatore giovane ma già con numerose ed importanti esperienze alle spalle. Dopo una lunga e prestigiosa carriera da calciatore, ha intrapreso la carriera di allenatore alla guida del Pescara, dapprima nella formazione Primavera ed in seguito nella prima squadra. Ha poi guidato Gubbio, Torres, Maceratese (terzo posto da neopromossa in Lega Pro 2015/2016), Perugia (con la quale ottiene il quarto posto in Serie B), Sassuolo, Benevento (terza posizione in cadetteria nella stagione 2018/2019) ed Empoli. Ora l’approdo alla Triestina, pronto a cimentarsi con entusiasmo in questo nuovo importante capitolo della sua carriera.

Le prime parole di Cristian Bucchi, da oggi nuovo Mister della prima squadra alabardata. Come sono nati i presupposti per l’arrivo a Trieste: “Ho trovato grande voglia e volontà di avermi come allenatore, da parte mia c’è stata grande disponibilità nello sposare questo progetto. Un progetto vero, cosa al giorno d’oggi difficile da trovare, fatto con persone che stimo molto. Ci tengo a ringraziare la Società nella persona del Presidente Biasin e Mauro Milanese, che ha contribuito in maniera importante nella mia scelta. Questa è una piazza straordinaria, credo sia una piazza da sposare e da vivere al di là di ogni categoria. E’ stata una cosa improvvisa e un’opportunità voluta fortemente, arrivo carico di entusiasmo“.

L’ingresso sul prato del “Rocco”: “C’ero entrato tante volte da calciatore, si è sempre respirata un’area particolare. Pubblico molto caldo, veramente uno stadio che meriterebbe cose diverse. Siamo qui per cercare di migliorare, di crescere insieme e ovviamente di fare degli step importanti perché è inutile nasconderci, il futuro va costruito insieme magari in categorie che competono di più a questa piazza, a questa città“.

Il saluto ai nuovi tifosi: “Il calore del proprio pubblico è sempre stata una delle caratteristiche di questa città, speriamo di poterli avere prestissimo accanto a noi e più numerosi che mai. Dal canto nostro speriamo di stimolarli attraverso le prestazioni, cercando di renderli orgogliosi di questa squadra, facendo un bel percorso carichi di entusiasmo tutti insieme“.