La Libertas Pordenone presenta “Verso un Natale insieme”

C’è un unico filo conduttore che lega lo spettacolo “Verso un Natale insieme” alle molteplici attività che si alterneranno l’11 dicembre, sul palco del Teatro Verdi di Pordenone, a partire dalle 20.30: la ripartenza dello sport, nonostante la pandemia da Covid-19 sia ancora presente nella vita di tutto i giorni.

Uno spettacolo fortemente voluto dal Centro sportivo Libertas di Pordenone, che ha trovato il sostegno della Fondazione Friuli e il patrocinio del Comune. Uno spettacolo simbolico, che tornerà al Teatro Verdi (per la sua settima edizione) dopo sei anni di digiuno.

“All’inizio – spiega Ivo Neri, presidente del Cs Libertas Pordenone – ci saranno tre porte che si chiuderanno e regnerà il buio: l’inizio dell’emergenza sanitaria da Coronavirus. Ma ad aspettare i nostri protagonisti ci sarà un’inattesa sorpresa sotto l’albero, che riporterà subito allegria ed entusiasmo. Questo sta a significare che, sebbene la pandemia non sia ancora alle spalle, lo sport è riparto e come Centro sportivo provinciale stiamo registrando un significativo aumento delle iscrizioni alle varie società a noi affiliate. Chiuderemo questo 2021 con 10mila adesioni, quando l’anno scorso erano state 8mila. Per il 2022 vogliamo tornare stabilmente a quota 12mila”.

Nel filo conduttore collegato inevitabilmente (visto il momento) allo sport e alla ripartenza si inseriscono le diverse società che si esibiranno al Verdi. Sotto la direzione artistica di Anna Zanetti sul palcoscenico si alterneranno Co. Dancing Studios, Il Sogno, Latin Love, Libertas Sporting House, Libertas Albatros, Libertas Porcia, Skorpion club Libertas Pordenone e Weisong School.

Un centinaio gli atleti protagonisti, che si cimenteranno tra danza classica, danza moderna, hip hop, danze caraibiche, ginnastica artistica, ginnastica ritmica e arti marziali cinesi. Quindici i tecnici che li seguiranno nelle varie perfomance.

La prevendita dei biglietti sarà attiva quando si saprà esattamente, in base all’incidenza dei contagi, la colorazione della Regione. “Se resteremo in zona bianca – osserva Neri – i posti al Verdi, gallerie comprese, saranno un migliaio e senza alcuna restrizione. Diversamente, passando al giallo, saranno ridotti. Attendiamo quindi ancora qualche giorno per capire meglio l’evoluzione della pandemia”.