Volley – Niente da fare per Martignacco contro S.Giovanni Marignano

Nulla da fare per l’Itas Città Fiera Libertas Martignacco che perde 3-0 (25-11, 25-21, 25-13) al cospetto della capolista imbattuta San Giovanni in Marignano nell’ottava d’andata di serie A2.

Coach Gazzotti in avvio schiera Carraro in palleggio, Nwanebu opposto, al centro Rucli e Busolini, in posto quattro Fiorio e Dhimitriadhi. Caravello libero. Parte subito bene la Omag con “ace” di Pamio. Il servizio di Gray mette in difficoltà la ricezione friulana e le schiacciatrici marignanesi non si fanno pregare per andare a segno 6-2. Coach Gazzotti chiama time out sul punteggio di 8-3. Al rientro Saguatti mette a segno un “ace” ed una “pipe”, Carraro è in difficoltà e viene sostituita da Sabadin come così Fiorio da Giugovaz. Gazzotti ferma ancora il gioco (13-3). Un errore per parte al servizio, due punti consecutivi in pipe di Nwanebu e siamo 17-7. Una fast ed un muro di Gray portano al parziale di 19-8. Dalla parte di Martignacco esce una discontinua (per ora) Nwanebu per Stival (21-8). Lualdi firma la fast per i 13 set point consecutivi cui fa seguito Decortes chiudendo al primo tentativo (25-11).

Il secondo parziale inizia con un bel primo tempo di Gray ed una parallela di capitan Saguatti. Martignacco sembra aver preso le misure e si trova a condurre (4-6). Le squadre procedono a braccetto con Nwanebu che viene cercata in ogni angolo del campo da Sabadin garantendo un leggero vantaggio alle friulane. Due fast consecutive di Lualdi rimettono il set in parità (12-12). Qualche errore di troppo nella squadra friulana e la Omag rimette avanti la testa di due incollature con Gazzotti che ferma il gioco (15-13). La Omag trova il massimo vantaggio (18-14) ma è Fiorio a tenere a galla le sue con un paio di colpi (18-17). Si va avanti punto a punto (20-20). Saguatti, come sempre nelle fasi decisive, dice la sua. Un’invasione avversaria e Gazzotti chiama time out (22-20). Fa il suo ingresso De Bellis per alzare il muro, ma è ancora Saguatti a colpire per i tre set point consecutivi, chiusi ancora da Decortes con un ace (25-21).

Ancora una bella partenza della Omag con il servizio “ignorante” ed efficace di Gray (5-2). Il gap rimane invariato fino a quota (12-9). Ma Saguatti e compagne arginano il tentativo di rimonta di Martignacco ed allungano ancora costringendo Gazzotti a chiamare a sé la squadra (15-11). Nwanebu cerca ogni angolo del campo, ma oggi non è la sua giornata perché dalla parte romagnola Bresciani raccoglie ogni pallone (18-11). C’è una sola squadra in campo: Gray un baluardo a muro, Pamio sempre pronta a sferrare il colpo decisivo, Decortes implacabile e via via tutte le altre capitanate da Saguatti e dirette da Battistoni che conclude set e match con un ace (25-13).