Joseph Roth – Viaggio ai confini dell’impero – Passigli

QUARTA DI COPERTINA – Il volume raccoglie i Reportages del Roth giornalista scritti in occasione dei viaggi che egli fece nel corso degli anni Venti come inviato speciale per alcuni tra i maggiori quotidiani tedeschi. L’autore approfondisce l’universo multiforme dell’Europa orientale: la Galizia, sua terra natale, l’Ucraina, la Polonia, la Bosnia e la Serbia. Questi resoconti sono appassionanti testimonianze di un mondo ormai scomparso, che offre ancora oggi spunti di grande attualità.

Centrale è il crollo della monarchia austroungarica con le sue conseguenze politiche, linguistiche e di appartenenza ad un solo grande popolo. Con il suo inconfondibile stile e la capacità di descrivere in profondità persone e cose, Roth restituisce al lettore le diverse realtà sociali e politiche, l’opposizione tra città e campagna, la pluralità delle minoranze linguistiche ed etniche, mostrando al tempo stesso come egli, diventato ‘apolide’, uno Heimatlos, abbia l’occasione, viaggiando, di prendere nuovamente coscienza delle sue radici ed origini.

E così nel rappresentare la Galizia come un paesaggio devastato dalla guerra, egli lo trasforma in un emozionale spazio della memoria, riscoprendo l’essenza degli ebrei orientali e ponendo l’accento sui valori umani e culturali di questa parte d’Europa.