Tricesimo forse. E Zorba?

Le magnifiche tre ormai hanno mostrato la faccia: si tratta di Cormor, Tricesimo (Buttrio permettendo) ed Extra, le dominatrici dei rispettivi gironi degli allievi provinciali di Udine.

A questo proposito, l’ottava di ritorno è andata in archivio nel segno del successo dell’Extra di Della Savia (girone C) nello scontro al vertice con i Rangers, che ha permesso alla formazione codroipese di blindare il suo primato. I rossoneri udinesi, però, si sono nuovamente proposti come rivali agguerritissimi; anzi, rispetto alla sfida, d’andata, i Rangers sono parsi più incisivi, creando diverse ghiotte occasioni da gol e subendo la rete dell’1-0 a 10′ dalla fine, sotto forma di punizione beffarda (probabilmente la barriera non era stata ben piazzata…). L’esito della sfida di cartello riporta d’attualità almeno un paio di temi: il primo riguarda l’assenza nelle rappresentative dei virgulti dei Rangers, squadra quasi tutta formata da ’94 davvero promettenti: possibile che i vari Mini, Lo Manto, Comuzzo, Cancian e via dicendo non siano all’altezza? Mah, c’è di che restar perplessi. Il secondo nodo riporta alle promozioni nei regionali. Ora: il Tricesimo di Cinello, venuto a capo a fatica della resistenza dell’Azzurra (la stanchezza si fa sentire), rischia di non poter disputare i regionali allievi nella prossima stagione perchè in quella attuale gli azzurri non hanno schierato la compagine giovanissimi. “Il problema esiste, ma spero che si trovi una maniera per non penalizzarci. E’la prima volta in tanti anni che mi sono trovato costretto a rinunciare a una squadra giovanile, vista la scarsità di ragazzi del ’95” infatti spiega il presidente del club collinare, Antonio Sorrentino. I precedenti (ne sanno qualcosa proprio i Rangers) sono però contro il Tricesimo, a meno che… a meno che, ad esempio, non si metta finalmente mano alla riforma dei campionati. E, per essere precisi, quella a suo tempo messa nero su bianco dall’ex responsabile del settore giovanile regionale, Maurizio Zorba. Vale a dire, partenza dai provinciali e poi seconda fase regionale riservata alle squadre più competitive. In tal maniera si eviterebbero (in parte) le solite incursioni dei soliti noti nei vivai altrui, incursioni spesso facilitate e motivate dal celebre: “Vieni con noi che siamo nei regionali…”. Tocca alla Federcalcio risolvere la questione, imboccando ” nel dialogo con i club ” la strada giusta. Se però il Tricesimo dovrà proprio rimanere confinato nei provinciali, allora per la migliore seconda classificata dei tre gironi allievi si apriranno le porte della promozione: ecco perchè Latisana, Rangers, Buttrio, Serenissima e Majanese sono chiamate a dare il massimo nell’ultimo scorcio di stagione regolare. E a essere favorite dal maggior numero di gare valide per la classifica sono le due formazioni, Latisana e Rangers, che stanno animando il girone C, quello blindato dal super Extra. Infine, una notazione: il Cormor non è più a punteggio pieno; gli udinesi hanno trovato pane per i loro denti nella Pasianese, che ha portato a casa uno 0-0 che profuma di impresa.