Velazquez: “Vietato demoralizzarsi, dalle sconfitte si deve imparare”

Udinese sconfitta in trasferta dal Bologna per 2-1. Dopo un buon primo tempo che aveva visto i bianconeri portarsi in vantaggio con Pussetto, i felsinei hanno ribaltato il risultato con le reti di Santander e Orsolini.

Ecco le dichiarazioni del dopopartita di mister Julio Valazquez: “Il primo tempo abbiamo giocato bene ma ci è mancato il gol della tranquillità. Nella ripresa la partita è stata equilibrata ma purtroppo siamo stati puniti anche se il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Se giochiamo al 100% possiamo fare punti con tutti gli avversari ma non se mettiamo in campo il 95% del nostro potenziale. Lavoriamo sugli errori e ripartiamo con mentalità positiva. La parola d’ordine è la tranquillità e sono soddisfatto e fiducioso dei miei ragazzi. Ringrazio come sempre i tifosi che anche quest’oggi sono arrivati a Bologna in numerosi. Impariamo dagli errori ma non buttiamoci giù perché nella vita devi confrontarti più con le sconfitte che con le vittorie. Bisogna avere la mentalità giusta e lavorare per migliorarsi. Ora pensiamo alla prossima partita contro la Juventus che sarà difficile ma non impossibile“.

DANIELE PRADÈ – “Nel corso del primo tempo abbiamo avuto quattro palle gol importanti e in quelle occasioni bisogna concretizzare. Dopo il vantaggio è necessario essere più cattivi, più lucidi e reattivi. Questo ce lo porterà il tempo. Oggi sono venuti fuori i limiti di una squadra che sta insieme da poco. Perdere queste partite fa male sapendo che gli avversari erano alla nostra portata. Siamo più forti nelle individualità, nel modo di giocare ma loro hanno avuto semplicemente più fame di noi. Ora dobbiamo essere bravi a capire gli errori che abbiamo commesso e lavoreremo su questi. Ci aspettano quattro partite dure contro Juventus, Napoli, Genoa e Milan e dovranno uscire gli uomini più che i calciatori. Anche oggi i tifosi sono stati incredibili: ci hanno trasmesso voglia, motivazioni e non hanno mai smesso di incitare la squadra. Cercheremo di ripagarli già dalla prossima partita“.

RODRIGO DE PAUL – “Abbiamo fatto il gol del vantaggio e poi alla fine del primo tempo è arrivato inaspettatamente il pareggio. Il campionato però è cominciato solamente da sette partite, dobbiamo stare tranquilli e da domani penseremo alla Juventus. E’ dura da accettare questa sconfitta perché eravamo convinti di poter portare i tre punti a casa, però questo è il gioco del calcio. Siamo una squadra forte che deve essere convinta dei propri mezzi ma dobbiamo migliorare. Sono orgoglioso della chiamata in nazionale ma oggi torno a Udine arrabbiato e voglioso di riscattarmi subito contro la Juventus“.

MARCO D’ALESSANDRO – “Le partite vivono di episodi: all’inizio l’inerzia ce l’avevamo noi ma dopo il pareggio del Bologna abbiamo sofferto. La squadra però ha lottato, ha fatto bene, è riuscita a difendersi e a ripartire in più occasioni. Sembrava una partita indirizzata al pareggio ma alla fine loro l’hanno sbloccata. Quando perdi vedi tutto in negativo anche se non deve essere così. Il calcio è anche questo. Dobbiamo ripartire da quello che abbiamo fatto di buono e correggere gli errori. Giocare a mezzogiorno e mezzo non è mai facile, statisticamente la squadra di casa ha sempre un piccolo vantaggio. Testa alla partita di sabato“.

IGNACIO PUSSETTO – “Sono molto felice per il primo gol in Serie A ma dobbiamo lavorare per migliorare. Penso che nel secondo tempo il Bologna abbia giocato meglio, dovevamo rimanere più concentrati. Sabato arriva la Juventus, una partita importante contro una squadra davvero forte. La prepareremo nei migliore dei modi“.

SEKO FOFANA – “Sono contento della mia prestazione, i miei compagni mi hanno aiutato molto. Dobbiamo lavorare sugli errori e preparare bene la sfida di sabato recuperando le energie che nel secondo tempo di oggi sono venute meno. La Juventus ha dei grandissimi giocatori di qualità ma noi non abbiamo paura perché giochiamo davanti ai nostri tifosi, il dodicesimo bianconero in campo“.