Serie B – Pordenone sconfitto per 4-2 sul campo della Juve Stabia

JUVE STABIA – PORDENONE 4-2  (8′ pt Mezavilla, 13′ Misuraca, 17′ Forte, 20′ Calvano, 28′ Canotto; 40′ st Burrai)

JUVE STABIA (4-3-3): Russo; Vitiello, Mezavilla, Troest, Germoni; Calvano (27′ st Addae), Calò, Mallamo (24′ st Bifulco); Canotto (34′ st Melara), Forte, Elia. A disposizione: Branduani, Ricci, Melara, Vicente, Rossi, Cissè, Del Sole, Carlini, Fazio, Tonucci. Allenatore: Caserta.

PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio; Almici, Barison, Camporese, De Agostini; Misuraca (25′ st Zammarini), Burrai, Mazzocco; Gavazzi (9′ st Candellone); Strizzolo, Monachello (38′ pt Ciurria). A disposizione: Jurczak, Stefani, Vogliacco, Semenzato, Pasa, Zanon. Allenatore: Tesser.

ARBITRO: Abbattista di Molfetta. Assistenti Margani e Perrotti. Quarto uomo Paterna.

NOTE: ammoniti Calvano, Troest, Strizzolo, Candellone e Zammarini. Angoli 5-6. Recupero: pt 2′.; st 5′.

Ramarri sconfitti sul campo della Juve Stabia per 4-2 con la prima mezz’ora che si è rivelata decisiva per le sorti del match, come evidenzia lo stesso Attilio Tesser: “Siamo stati bravi a raddrizzarla subito, ma poi alcune nostre disattenzioni hanno portato al secondo e terzo gol della Juve Stabia. Alla fine si tratta di 5 minuti sbagliati che ci sono costati molto cari. La gara l’abbiamo iniziata meglio noi e nel secondo tempo li abbiamo costretti sulla difensiva.

Avremmo potuto riaprirla prima, recrimino per l’incrocio colpito da Mazzocco. L’abbiamo riaperta tardi, peccato, ma sapevamo che ci sarebbe stato da battagliare molto. Siamo il Pordenone, siamo esordienti in B e siamo in linea con il nostro obiettivo: la salvezza.

Grazie ai tifosi che sono venuti a Castellammare e che ci hanno supportati fino alla fine, mi dispiace per loro. Analizzeremo gli errori in settimana e cercheremo di regalare loro un risultato migliore sabato”, conclude il tecnico dei neroverdi.