Momento memorabile sulle rive dell’Isonzo

Giornata da mandare a memoria al Tennis Campagnuzza. Due circostanze importanti della società trovano risonanza e compiacimento da parte degli amministratori pubblici e dei massimi dirigenti sportivi della regione. Si festeggia il 40° di fondazione del sodalizio e l’inaugurazione delle opere completamente ristrutturate nel segno di tecniche innovative e dei risparmi energetici.

Ed ecco che ai numerosi intervenuti si spalancano le porte dei due luminosi campi indoor, sovrastati dalle candide coperture, il rinnovato impianto luce esterno a Led sopra il nuovo terreno di gioco in terra sintetica e l’impianto di riscaldamento, mentre non passano inosservati i lavori di manutenzione e di estensione della terrazza panoramica, investimenti che il sodalizio ha affrontato grazie ad una gestione virtuosa del proprio budget.

Apre la cerimonia il soddisfatto sindaco di Gorizia, Ettore Romoli con una carrellata sulla concentrazione delle strutture sportive dell’area Campagnuzza, per poi premiare l’appassionato presidente Diego Corolli, a sua volta esaustivo nel fornire il resoconto delle molteplici attività del circolo che spaziano dai servizi tennistici ai soci alla “Super School” a misura dei giovani allevi, dai corsi mattutini per gli studenti al centro estivo di vacanze e sport.

Ripercorre gli step edificativi il responsabile dei Lavori pubblici, Mauro Ussai, mentre per il contesto meramente sportivo ricordano le progressioni del circolo due personaggi da anni in simbiosi con la società isontina: il presidente Coni Giorgio Brandolin e il numero uno della Fit regionale Antonio De Benedittis. Al taglio del nastro non manca la benedizione del parroco di Campagnuzza, don Fulvio Marcioni, mentre il rinfresco nella club-house innesca un piacevole momento conviviale accompagnato dalla mostra fotografica del circolo che, in molti dei presenti, fa affiorare orgogliosi ricordi agonistici. (Fausto Serafini)