Libertas Martignacco alla prova Soverato

L’esordio da urlo è alle spalle. Domenica, alle 17, l’Itas Città Fiera se la vedrà con Soverato, 6 punti in due gare. L’attesa cresce e il Palazzetto di Martignacco è pronto a riempirsi di tifosi e simpatizzanti. A fare il punto della situazione, in casa Libertas Martignacco, è coach Marco Gazzotti. “Le ragazze stanno abbastanza bene, anche Martinuzzo ha superato i problemi alla schiena della scorsa settimana – spiega -. La squadra si è allenata con il solito impegno: siamo abbastanza tranquilli, ma soprattutto consapevoli che la cosa più importante è fare bene le cose che ci riescono”.

Soverato ha portato a casa due vittorie importanti e domenica Caravello & co. dovranno tirare fuori gli artigli. “Il nostro avversario è in fiducia e sulla carta è più forte – dice ancora il tecnico -, starà a noi sfruttare il fattore campo per fare più punti possibili. Sarà sicuramente dura, ma anche loro dovranno sudare e, in caso, meritare di vincere”.

Non solo Ramona Aricò, con due anni di A2. Il club calabro può contare su giocatrici esperte e molto dotate fisicamente, vedi la schiacciatrice Hillary Hurley. “Dal punto di vista dei nomi, sono certamente più attrezzate di noi – ammette Gazzotti –. Non dimentichiamo, infatti, che la nostra squadra è formata, per la maggior parte di esordienti in A2. Ma non possiamo giocare con la paura dell’avversario. Ci metteremo umiltà, senza sottovalutare nessuno, ma non perderemo la nostra identità e la nostra filosofia di gioco”.

La formazione che scenderà in campo domenica non è ancora decisa. Ma lo spirito, al di là delle singole giocatrici, dovrà essere quello messo in campo il 7 ottobre. Il gruppo ha fatto molto, anche in quell’occasione. “La forza del gruppo si è notata sin dai primi giorni di preparazione e il fatto di aver confermato molte giocatrici dall’anno scorso è stato un vantaggio – osserva –. Le nuove arrivate si stanno integrando bene, ma il feeling è uno degli aspetti più importanti su cui si deve lavorare”.

Karin Sunderlikova, una delle new entry, è stata tra le migliori nella prima di campionato. “All’esordio ha fatto un’ottima partita – conclude il tecnico –. E’ una ragazza molto giovane, alla prima esperienza in Italia e tutti ci siamo impegnando per integrarla e farla a sentire a suo agio. Ha l’entusiasmo giusto, che rispecchia quello della squadra, e potenzialità fisiche indiscusse: per questo, posto che tutte devono rendere al 100%, contiamo su di lei per quei due o tre punti in più fatti bene”.