Volley – D’Orlando al Cus Trieste: “Richiamo della B troppo forte”

Due metri di altezza e 22 anni: il “due” sembra inciso nel destino di Roberto D’Orlando, il nuovo schiacciatore della Serie B di pallavolo targata Cus Trieste. “Romano De Roma”, come si dice in questi casi, un altro degli acquisti estivi del DS Messina si è trasferito a Trieste tre anni fa per studiare ingegneria navale: “Ho iniziato a 15 anni a giocare a pallavolo, prima facendo il palleggiatore e poi provando diversi ruoli fino ad arrivare al ruolo di schiacciatore, che mi piace e mi diverte molto”. 

Dopo le giovanili con l’Ostia Volley Club e la B con il Roma Volley, D’Orlando ha giocato con lo Sloga Tabor, dove ha peraltro conosciuto diversi compagni di squadra attuali: “Esatto – continua Roberto -, ho conosciuto Emilio Agnello, Tony Iaccarino, Samuel Princi, Niko Ivanovic e Luis Vattovaz e, grazie a loro, sono venuto in contatto con Gianluca Messina”. 

Dopo l’esperienza allo Sloga, due anni di C al Coselli, società per la quale è diventato un punto di riferimento, fino a quest’estate ed alla decisione di approdare al Cus: “Finalmente una squadra di Trieste partecipa al campionato di Serie B… non ho potuto resistere al richiamo! Stimolato dal desiderio di mettermi alla prova, ci siamo subito accordati con li Coselli e da un mese sono con il team universitario”. 

Le prime impressioni, a sentire D’Orlando, sono davvero ottime: “Le mie aspettative sono addirittura state superate! Qui si da notevole importanza sia all’aspetto tecnico che fisico, in un equilibrio favorevole alla crescita di un atleta. E poi mi trovo benissimo con l’allenatore e i compagni di squadra, con i quali ho subito legato anche se in realtà li conoscevo praticamente tutti”. 

La chiusura è sulla stagione che va ad aprirsi: “Sono convinto che si stia formando un gruppo compatto e solido, dalle buone capacità tecniche ed atletiche, con elementi che non ci faranno assolutamente sfigurare in un campionato difficile come quello di Serie B”.