Volley – La Vivil continua a valorizzare le giovani

La Vivil continua a tessere rapporti di collaborazione con società di alto livello e così offrire alle sue atlete delle occasioni per spiccare il volo nel mondo del volley nazionale.

Dopo l’allenamento supervisionato dall’Argentario Volley che ha coinvolto il settore giovanile Villadies e l’avviata macchina organizzativa per un masterclass ad inizio luglio, mercoledì 16 giugno è stata una giornata speciale per due atlete della B2 Villadies Farmaderbe. Si tratta della banda Alessia Fabro, classe 2001, e della centrale Giulia Fregonese, classe 1999.

Entrambe hanno disputato un ottimo campionato e si sono distinte per una crescita costante fino al raggiungimento di una maturità tale da spingere la società e coach Morsut a offrire ad entrambe un’opportunità per far valutare le proprie qualità da un tecnico come Matteo “Bibo” Solforati, head coach di Volta Mantovana, ora in finale per la promozione Serie A2, e futuro allenatore di Mondovì.

Accompagnate dal tecnico di Villa Vicentina, le due Villadies hanno partecipato ad un workshop nel PalaValle e si sono allenate con altre 5 ragazze tutte impegnate con società di B1 e A2 desiderose di ben figurare per convincere Bibo ed i dirigenti locali sulle loro capacità.

Una sgambata di 1h e 40 minuti per vedere all’opera futuri prospetti. Le due Villadies si sono ottimamente comportate, nascondendo con il loro entusiasmo e con delle ottime giocate la loro appartenenza alla minore tra le serie nazionali. Al termine della seduta, spazio a grandi sorrisi e tanta soddisfazione per i complimenti ricevuti.

Una giornata diversa, una vetrina che è stata un premio per l’ottimo campionato svolto dalle Villadies!

Ma passiamo la parola alle dirette interessate per capire come hanno vissuto questo evento e cosa ha lasciato ad entrambe.

Alessia: “Sono molto contenta, aldilà di quale sarà l’esito, soprattutto per aver avuto la possibilità di confrontarmi con ragazze abituate a giocare a livelli più alti e aver dimostrato, anche a me stessa, che impegnandomi anche io posso farcela. Sicuramente è stata un’esperienza che mi ha aiutata ad avere più fiducia in me stessa, proprio io che non avrei mai pensato di raggiungere certi livelli. Sono felice di aver condiviso questa esperienza con Giulia e credo che d’ora in poi, continuando a lavorare, riuscirò a prendere maggiore consapevolezza sulle mie scelte di gioco e a gestire in campo le mie qualità con più fermezza. E ovviamente ringrazio Daniele per la grandissima opportunità.”

Giulia: “Inizialmente ero molto dubbiosa se accettare la proposta non avendo mai fatto un’esperienza simile. Ero lusingata dall’offerta di Daniele ma credevo di non esserne all’altezza e di conseguenza il mio timore più grande era quello di fare brutta figura dovendomi confrontare con altre ragazze che hanno più esperienza a livelli più alti. Ma devo dire che, grazie alla condivisione con la mia compagna Alessia e grazie all’allenatore che ci ha messe a nostro agio sin dal primo minuto dell’allenamento, ogni mio timore si è sciolto e sono felice di essermi messa in gioco. A prescindere da quale sarà il risultato finale, questa opportunità è stata sicuramente una fonte di crescita che ha permesso di aumentare la fiducia in me stessa e nelle mie capacità.” (Elisa Fiori)