Volley – Villadies al lavoro con i ritorni di Sioni e Petejan

Il libero Anna Sioni (Foto Buttò)

Ritorno in palestra per le Villadies che si sono ritrovate ieri svelando le novità della rosa. Ecco il quadro del mercato della formazione bassaiola che ancora non è al completo mancando due nuovi arrivi e due inserimenti dal settore giovanile:

Conferme: Ilaria Campestrini – Palleggiatrice – 2001; Alice Tomasin – Schiacciatrice – 1999; Alessia Fabro – Schiacciatrice – 2001; Giulia Donda – Centrale – 2000; Aurora Battilana – Centrale – 2003

Rientri: Alice Pittioni – Schiacciatrice – 1999; Mateja Petejan – Palleggiatrice – 1994; Anna Sioni – Libero – 1989; Fregonese Giulia – Centrale – 1999

Novità assoluta: Svetlana Safronova S (da Milano torna in FVG) – 1988.

Come si può notare, quest’anno è cambiato l’orientamento della società riguardo alla Villadies Farmaderbe. Si è cercato di creare una squadra senior in gran parte con atlete di proprietà, in sostanza separata dalle under che possono così concentrarsi sulla loro categoria senza l’onere della salvezza in B2, che è uno degli obbiettivi primari della società.
Da sottolineare che ciò non vuol dire trascurare il settore giovanile, affidato a tecnici preparati e competenti come Sandri, Colombo e Moretti. Le varie formazioni disputeranno doppi campionati ma potranno concentrarsi maggiormente sulla crescita tecnico-tattica senza distrazioni o stress da obbiettivi, magari troppo elevati al punto attuale di maturazione.

Il presidente Delbianco fa un riepilogo dello stato attuale: “Nel ricordare che anche quest’anno ben tre atlete della Vivil sono approdate alla corte di società di serie A a testimonianza del costante lavoro della società, confermo che il settore giovanile è sempre molto rigoglioso e credo che la formazione allestita per la B2 sia una delle migliori che si potesse assemblare. Quindi confido in un’altra annata, Covid permettendo, di soddisfazioni e, me lo auguro di cuore, della giusta serenità.”

Coach Morsut nell’incertezza del periodo guarda agli aspetti prioritari del momento: “Anno bislacco, viviamo di protocolli, viviamo alla giornata e fare programmazione in questo modo è stressante. Obiettivi? Ritrovare il sorriso ed il piacere di stare in palestra. Poi vedremo cammin facendo.