Volley – Villadies sconfitte per 3-0 dalla CFV Friultex

L’obbiettivo stabilito in settimana per le Villadies Farmaderbe è rimasto un’opera incompiuta perché la squadra ha mostrato una reazione a metà alla prestazione opaca e inconsistente della scorsa giornata.

Ci voleva maggiore convinzione e cattiveria nei finali di set, soprattutto nei più equilibrati 1° e 3° parziali, per portare a casa qualche punticino e così non è stato. Onore invece alle rondini della CFV Friultex che hanno conquistato e meritato la vittoria proprio per la determinazione e compattezza di squadra dimostrata dal 20 in poi.

Coach Relato si affida ad un sestetto di partenza di maggiore esperienza: Fabbro in regia e Pittioni opposta, Battilana e Di Vicenz al centro, Tomasin e Fabro in banda, Ponton libero. Coach Amiens risponde con Ricci al palleggio e Cocco in diagonale, Battain e Bruno centrali, Zech e Sblattero bande, Lazzaro libero.

La tensione blocca le Villadies che stentano ad entrare nel match. Al contrario nel campo CFV tutto gira subito per il meglio a cominciare dal servizio che mette in difficoltà la ricezione ospite e non consente a Fabbro di sfruttare tutte le attaccanti e di costruire un gioco efficace. Si va sotto 9-3 e, come accaduto già in altre situazioni, non appena la seconda linea si sistema un po’, anche in prima le cose iniziano a girare. Sono Battilana, in fast e a muro, e Tomasin da posto 4 a rilanciare le quotazioni Farmaderbe. Il parziale di 0-5 riporta sotto Pittioni e compagne (9-8) e la panchina di casa ferma il gioco. Ma ormai la partita è entrata in una fase equilibrata e combattuta punto a punto. Fabbro riesce a chiamare in causa le sue centrali, Di Vicenz e Battilana, per poi smarcare Fabro che opta più volte per il mani-out, mentre le avversarie puntano maggiormente sull’opposta Cocco. Dopo l’aggancio sul 13 pari, entra Giacomello per Sblattero in banda, ma le Villadies riescono comunque a mettere la freccia grazie anche ad un fortunoso ace (16-18). Coach Relato cerca di forzare al servizio con l’ingresso di Favero per Battilana. Il vantaggio dura poco e il CFV riesce a mantenere maggiore incisività in attacco non sempre controllato a dovere dal muro e dalla difesa bianconera (20-19). Ci si mette anche l’arbitro con una portata molto dubbia fischiata a Tomasin in fase offensiva. Dopo un mani-out di Pittioni che mantiene le sue a -1, arrivano due errori e un ace subito a regalare 4 set point alle padrone di casa (24-20). Il primo viene sprecato da Cocco, il secondo viene trasformato da Giacomello in lungolinea.

Le stesse formazioni che hanno chiuso il set rientrano in campo invariate. Si assiste all’avvicendamento al comando tra CFV Friultex e Villadies Farmaderbe con mini break che non lasciano intendere chi possa prevalere (1-3, 6-4, 9-9). Si vedono belle giocate e anche errori ingenui, alternanza tipica delle squadre così giovani. Cambia tutto sul 10-11 quando le ospiti entrano in seria difficoltà. Coach Relato cerca di scuotere le sue prima con un timeout e subito dopo cambiando Tomasin con Favero. Le bianconere stentano a ritrovare il filo del gioco e le rondini volano a +6 (17-11). È capitan Pittioni a permettere il cambio di rotazione con una diagonale da posto 4. Il gioco resta in mano alle padrone di casa che fanno il buono e cattivo tempo. Gli ultimi punti Villadies sono in prevalenza regali e questo significa che da metà set in poi, in campo c’è solo una squadra. Finisce 25-16.

Si cerca qualche cambiamento nel sestetto per invertire la rotta e riaprire il match: dentro Campestrini in regia per Fabbro e conferma di Favero in banda per Tomasin. L’inizio è targato CFV e, in particolare, Giacomello che si rivela convincente in attacco e in battuta (6-3). Le Villadies sono costrette nuovamente a rincorrere e ricucire il gap. Ci mettono del loro Campestrini con un tocco di seconda e Favero da zona 4 per impattare sull’8-8. L’azione successiva dura una vita grazie alla regista bianconera che recupera un pallone difficile in difesa ma si conclude a favore delle rondini. Il punto perso pesa più del previsto perché le ospiti subiscono un ace e non riescono a contenere l’attacco di casa (12-8). Un errore al servizio di Cocco dà respiro a Pittioni e compagne che riescono a reagire e ad effettuare il sorpasso (13-14). Nelle equilibrate fasi centrali è Fabro la più redditizia in fase offensiva e permette alle sue di restare agganciate (16-16). Entra Puntin in battuta per colpire con la sua salto spin. Purtroppo non funziona e poco dopo rientra Fabro. Entrambe le formazioni dimostrano la propria tensione con diversi servizi falliti che spezzettano il gioco. Sotto 20-18, la Farmaderbe approfitta di un buon turno di Favero per ribaltare nuovamente il punteggio e portarsi avanti 20-22. Le fasi finali sono convulse: prima il set sembra alla portata delle ospiti, poi le padrone di casa dimostrano di avere maggiore voglia di chiudere qui la gara e ci riescono al secondo tentativo con Zech a colpire in diagonale da posto 4. 26-24 e 3 punti pesanti alla CFV Friultex.

Come predetto da coach Relato, ha vinto la squadra che ha saputo reagire meglio al difficile inizio di campionato. Al di là di una partita che non ha offerto una pallavolo d’alto livello ed in cui è prevalsa la discontinuità ed un alto numero di errori, ha meritato la vittoria chi ha interpretato meglio i momenti decisivi del match dimostrando che conta molto l’unione di intenti all’interno del gruppo. La grossa differenza tra Villadies e CFV si è vista nella compattezza del sestetto in fase difensiva e di copertura.

Aspetti che invece le ragazze di Villa Vicentina dovranno migliorare per poter uscire vincenti in queste situazioni di equilibrio in campo.

Coach Relato ne è ben consapevole: “Non è andata bene perché il risultato è quello che è. Certamente è stata una partita completamente diversa da quella di sabato scorso. Oggi in campo ci siamo stati solo che, soprattutto nel 1° e 3° set, abbiamo interpretato male i punti finali. Dopo il 20 commettiamo disattenzioni ed errori tecnici. Invece di avere la “bava alla bocca” per prevalere, diventiamo impalpabili ed inconcludenti. Un limite che invece Chions non ha avuto dimostrando di avere più voglia di portare a casa i set.”

L’aspetto mentale si sta rivelando quello più problematico per la Farmaderbe perché evidentemente sta limitando le prestazioni, i risultati e la situazione di classifica.

La preoccupazione prioritaria delle singole giocatrici deve essere ora quella di analizzare, il più possibile in modo imparziale, le proprie prestazioni in funzione della squadra. Le qualità tecniche individuali sono indiscusse ma sono fini a se stesse se non vengono messe al servizio del collettivo. Lo staff auspica che ci sia da parte delle atlete la consapevolezza che una delle più grandi spinte in un gioco di squadra arriva dal creare l’unità del gruppo in allenamento ed in gara. Soprattutto nelle situazioni più difficili e decisive, sentire che tutte le compagne intorno mi sostengono e mi coprono le spalle regala una sicurezza infinita.

Ora il calendario prevede altre 3 gare alla portata per la Villadies Farmaderbe: Union Volley Jesolo, Bassano Volley e Alia Aduna Padova. Sono tutte squadre che hanno puntato sulle giovani e quindi in cui l’elemento esperienza non è una discriminante.

Si pensa ad una gara alla volta e la prossima sfidante è la formazione di Jesolo. Si tratta di un’under 18 visto che c’è un’unica fuori quota che però non è tra le titolari. Per ora il campionato delle arancioni non sta andando male, con 2 vittorie su 4 gare e 5 punti in classifica, grazie al tie-break su Aduna nella gara d’esordio e l’1-3 a casa proprio della CFV. La palestra di Villa Vicentina potrebbe essere un elemento favorevole per le nostre poiché presenta condizioni ambientali completamente diverse dal campo di Jesolo. Le Villadies devono però essere capaci di sfruttarlo come accaduto negli anni passati. (Elisa Fiori)